Stop ai rincari estivi delle autostrade, rinviati a settembre

279 0
279 0

Aumenti delle tariffe dei pedaggi autostradali sospesi fino al prossimo 15 settembre. Una decisione, quella del Consiglio di Amministrazione di Autostrade per l’Italia, presa per non “appesantire” ulteriormente le spese degli italiani in vacanza quest’estate. Confermate poi le esenzioni totali sui tratti autostradali della città di Genova, aspettando la “rivoluzione delle tariffe” dei pedaggi deliberata dall’Autorità di regolazione dei trasporti.

SARÀ UN’ESTATE MENO CARA

La buona notizia è che quella appena iniziata sarà un’estate senza rincari per quel che riguarda le tariffe dei pedaggi autostradali. Gli aumenti, previsti per il 1 luglio 2019, sono stati infatti deferiti al prossimo 15 settembre dal Consiglio di Amministrazione di Autostrade per l’Italia. Una decisione presa, secondo quanto filtra, per non gravare ulteriormente sulle finanze degli italiani che partono in macchina per le ferie. Nella riunione del CDA di Autostrade sono state anche confermate le esenzioni totali per i tratti autostradali che coinvolgono la città di Genova, decisione presa dopo i tragici eventi con il crollo del ponte Morandi e confermate anche per il periodo estivo. Gli aumenti previsti per la fine dell’estate dovrebbero servire per favorire investimenti sulla rete.

LA RIVOLUZIONE DELLE TARIFFE AUTOSTRADALI

Il nuovo sistema tariffario dei pedaggi autostradali, deciso dall’Autorità di regolazione dei trasporti, punta finalmente a stabilire tariffe trasparenti per gli utenti, anche al fine di garantire investimenti e migliorie all’intera rete autostradale. Il nuovo sistema – che riguarda da subito 16 concessionarie tra cui da Autostrade per l’Italia dei Benetton, Strada dei Parchi, Autostrada dei Fiori e Milano Serravalle – si basa sul principio del ‘price-cap’. In cosa consiste? Si tratta di introdurre un indicatore di produttività per garantire trasparenza ed equità dei pedaggi, con indubbi benefici per gli automobilisti che dovrebbero assistere, si spera, ad un calo delle tariffe, con pedaggi finalmente in linea con quelli degli altri paesi europei.

Ultima modifica: 8 luglio 2019