Sospensioni: lowrider, per caratterizzare la propria auto

1966 0
1966 0

Il termine lowrider sta ad indicare un veicolo nel quale le sospensioni sono state modificate per varie ragioni. Vediamo di cosa si tratta.

Negli Stati Uniti con la parola lowrider si identificano le vetture nelle quali le sospensioni sono state modificate e sostituite da un altre sospensioni di tipo idraulico; la procedura di sostituzione delle sospensioni avviene per permettere l’estremo abbassamento del veicolo o in alternativa per far compiere al corpo vettura dei veri e propri movimenti ritmici.

Cosa sono

Le lowrider sono sospensioni che solitamente vengono costruite su vetture di fabbricazione statunitense, prodotte negli anni 50; questi tipi di veicoli tendenzialmente per loro natura, sono già relativamente bassi. Una piccola percentuale di modifiche è avvenuta anche negli anni 40 e negli anni 60, oltre ovviamente che negli ultimi tempi, nelle automobili vintage e nei veicoli contemporanei. Le automobili che tendenzialmente vengono trasformate con sospensione lowrider, sono le Chevrolet; in particolare sono interessate da queste modifiche alle sospensioni le Chevrolet Impala.

Tuttavia anche altri modelli di automobili vengono modificati con le sospensioni lowrider; ad esempio vengono modificati alcuni modelli di autoveicoli Ford e altri marchi di General Motors. Un’altra pratica che viene utilizzata per abbassare gli autoveicoli è definita chopping. Questa tecnica prevede l’abbassamento dei montanti del tetto e dei finestrini. Attraverso la tecnica del channeling, si riduce invece l’altezza della carrozzeria.

Caratteristiche

Le vetture lowrider sono spesso caratterizzate da una verniciatura particolarmente appariscente. Essa viene realizzata con l’utilizzo di colori differenti, metallizzati o perlacei. Vengono inoltre realizzate sulle carrozzerie, grandi immagini, utilizzando la vernice a spruzzo. Altra caratteristica delle automobili lowrider sono i classici pneumatici con la fascia bianca, e i cerchioni e le borchie delle ruote cromati. Una particolare caratteristica estetica delle automobili lawrider è inoltre la trasformazione con predisposizione della completa illuminazione interna dell’abitacolo.

La tappezzeria delle auto lowrider è in velluto e interessa solitamente gli interni, cruscotto compreso. I finestrini sono oscurati e vi è spesso l’aggiunta di ulteriori specchietti retrovisori. Su queste vetture, il sistema di sospensioni idrauliche installate, permetterà all’automobile di alzarsi mentre si trova a percorrere dei tratti stradali sterrati. Questa caratteristica che contraddistingue i veicoli lowrider, è portata all’estremo in quello che viene definito l’Hitting Switches. Questa tecnica prevede sostanzialmente di far letteralmente saltare l’auto sulle ruote. Talvolta questa tecnica viene anche comunemente definita hopper o jumpcar. Infine, un altro aspetto tipico di questi veicoli è il montaggio di una lastra di ferro al di sotto della vettura. Lo scopo è quello di creare la tipica scia di scintille.

Ultima modifica: 22 marzo 2018