sicurezza stradale: le nuove normative per evitare incidenti e disagi

992 0
992 0

Recentemente sono state introdotte nuove disposizioni normative riguardo la sicurezza stradale; vediamo di cosa si tratta e quali sono i cambiamenti.

L‘ultimo progetto di legge in materia di sicurezza stradale approvato in Parlamento, ha modificato disposizioni e regolamentazioni di alcune norme relative all’importante tema della sicurezza stradale, oggetto negli ultimi anni del dibattito parlamentare.

Le anticipazioni date prima dell’approvazione del nuovo disegno di legge, erano molte; sicuramente ci sono alcune novità inattese. L’irrigidimento normativo ha riguardato principalmente alcune violazioni e reati, come la guida in stato di ebrezza o sotto l’effetto di sostanze stupefacenti; altre modifiche hanno invece riguardato invece i limiti di velocità. Esaminiamo nel merito tutti i cambiamenti normativi.

Cosa è cambiato

Una delle modifiche che ha senza dubbio movimentato il dibattito pubblico, è la decisione di imporre il limite del tasso alcolemico a zero, per i soggetti alla guida, ad di sotto dei ventuno anni di età. Per i neopatentati, ovvero coloro che possiedono la patente di guida da non più di tre anni, non sarà consentita alcuna tolleranza, per quanto riguarda il consumo di bibite alcoliche prima di mettersi alla guida. I neopatentati, se fermati e controllati dalle autorità competenti, dovranno avere un tasso alcolemico pari a zero. Stesse regole per gli autisti di veicoli professionali o veicoli che necessitano per la guida la patente C, D, E e infine BK.

La pena di reclusione per coloro che, sotto l’effetto di alcol o sostanze stupefacenti, si rendono responsabili di provocare incidenti mortali che possono coinvolgere più persone, è ora di quindici anni. I quindici anni di reclusione, scatteranno automaticamente se il guidatore presenterà uno stato alcolemico superiore agli 1,5 g/l; questa è certamente la circostanza più grave prevista dal Codice della Strada.

Una novità è invece l’introduzione dello strumento del narcotest, a disposizione delle autorità competenti, per effettuare un test agli automobilisti, per rilevare l’utilizzo di sostanze stupefacenti. Tale verifiche verranno effettuate in presenza di personale sanitario ausiliario. In assenza di tale personale sanitario ausiliario, gli agenti delle autorità dovranno necessariamente accompagnare il conducente del veicolo, per eseguire il test, presso una struttura dove potranno essere effettuati esami in presenza di personale sanitario.

Un’altra significativa modifica riguarda il limite di velocità per i veicoli sulle autostrade. Il limite di velocità sulle autostrade è infatti stato alzato a 150 chilometri orari; questo non su tutti i tratti autostradali, ma su quelli dove la velocità è monitorata dai tutor elettronici e il tratto di strada è a tre corsie.

Ultima modifica: 1 aprile 2018