Rolls-Royce in versione uovo Fabergé

213 0
213 0

Non c’è limite al lusso più sfrenato e Rolls-Royce, con la sua gamma di veicoli esclusivi, ne è certamente un esempio perfetto. Una delle più recenti trovate della casa inglese destinate a clienti estremamente facoltosi non riguarda però una quattro ruote. Si tratta infatti di un oggetto speciale: un uovo Fabergé che racchiude lo Spirit of Ecstasy, il celebre simbolo alato Rolls-Royce.

Leggi anche: La Rolls-Royce di Frank Sinatra all’asta (con una bella storia dietro)

La casa britannica ha collaborato con i famosi gioiellieri Fabergé per realizzare un vero e proprio oggetto da collezione che intende “celebrare la storia, il patrimonio e la leggenda per cui sia Rolls-Royce che Fabergé sono stati venerati” (come si legge dal comunicato stampa). Lo stile è stato pensato dai designer Rolls Stefan Monro e Alex Innes, mentre la fabbricazione è stata affidata all’artigiano Fabergé Paul Jones.

L’uovo è alto 16 centimetri e pesa circa 400 grammi, e fa parte della cosiddetta Imperial Class (collezione imperiale), categoria esclusiva del gioielliere a cui appartengono anche le 52 preziosissime uova realizzate fra il 1885 e il 1917 per la corte degli zar di Russia.

Leggi anche: Rolls-Royce lavora a insetti robot per la manutenzione dei motori

Il design minimale ed elegante si compone di una gabbia protettiva di rami d’oro rosa che racchiude lo Spirit of Ecstasy in cristallo smerigliato. I rami si aprono toccando una leva nascosta, grazie a un sofisticato meccanismo inserito in un plinto in oro bianco rivestito con smalto viola. Una volta aperto, l’uovo forma una sorta di calice attorno al simbolo Rolls-Royce, rivelando al contempo un rivestimento interno in ametista contornato da un bordo di diamanti da 10 carati.

Non si conosce il costo di questo gioiello. Sappiamo che ha già un proprietario, un facoltoso e anonimo collezionista di Rolls e uova Fabergé. Nel periodo di Natale si potrà ammirare l’oggetto esposto nella vetrina del negozio Fabergé di Londra.

Ultima modifica: 6 novembre 2018

In questo articolo