Rolls-Royce e l’idea di un taxi volante

513 0
513 0

Spuntano da ogni dove prototipi e idee per una mobilità urbana del prossimo futuro che possa sfruttare lo spazio aereo. La più recente proposta è a nome Rolls-Royce: l’azienda inglese, grazie anche alla sua lunga esperienza nel settore aeronautico, ha infatti presentato al Farnborough International Airshow 2018 (16-22 luglio) il suo progetto di aero taxi a volo verticale, al momento chiamato semplicemente EVTOL (acronimo per Electric Vertical Take Off and Landing).

Leggi anche: Cora, il taxi volante a guida autonoma del fondatore di Google

I dettagli non sono molti, ma sufficienti per avere un’idea di quello che hanno in mente gli ingegneri Rolls-Royce. Parliamo di un veicolo in grado di trasportare fino a cinque persone viaggiando in aria a una velocità di 400 km/h, con un’autonomia promessa di circa 800 chilometri. La propulsione è affidata a sei eliche che girano grazie ad altrettanti motori elettrici. Questi sono a loro volta alimentati da batterie che vengono caricate da turbine a gas capaci di produrre circa 500 kW di energia. Si tratta dunque di un sistema ibrido, che non necessita di ricarica plug-in (ci pensano le turbine).

Il responsabile dello sviluppo dei motori elettrici Rolls-Royce, Rob Watson, ha così commentato durante la fiera di Farnborough: “Siamo in una posizione ideale per giocare un ruolo da protagonisti nel mondo emergente della mobilità aerea personale e cercheremo anche di lavorare in collaborazione con una gamma di partner”. Tradotto, significa che in Rolls-Royce sono molto ottimisti, ma che è necessario per loro trovare aiuto da parte di collaboratori e soci esterni. Non a caso un prototipo già funzionante non sembra esserci, così come non vi è nemmeno una data esatta di uscita dell’EVTOL (si parla della prima metà del 2020).

Ultima modifica: 17 luglio 2018