Una rarissima Vector M12 all’asta per Barrett-Jackson

243 0
243 0

Alla fine di questo mese (marzo 2021) verrà battuta all’asta per Barrett-Jackson un’auto che può davvero essere interessante per gli appassionati di pezzi rari. Parliamo di una Vector M12 del 1999, uno dei 14 esemplari costruiti e uno degli ultimi ad essere prodotti prima che la società californiana Vector si sciogliesse definitivamente.

Leggi anche: All’asta una Porsche 911 T del ’71 in versione hot-rod con motore Bentley

L’azienda è nata nel 1971, fondata da Gerald “Jerry” Wiegert (scomparso lo scorso gennaio), ingegnere e imprenditore con il sogno di realizzare la “supercar americana”. Per circa vent’anni ha proposto il suo veicolo più noto, la Vector W8, ma nel 1992 l’azienda ha iniziato ad avere problemi, finendo per essere acquisita dall’indonesiana MegaTech (che in quel periodo acquisì anche Lamborghini). Nel periodo MegaTech ecco arrivare la Vector M12, una supercar dotata di motore V12 da 5,7 litri di provenienza Lamborghini, con 492 cavalli di potenza e 295 Nm di coppia.

Leggi anche: Una Batmobile all’asta: costa quanto una BMW X1 accessoriata

L’avventura della Vector finì purtroppo in breve tempo, a causa di mala gestione e scarse vendite. Una nuova società, la Vector Motors Corporation, sta provando a ridare lustro al brand proponendo un’altra supercar chiamata WX8, ma al momento si tratta solo di annunci e non esiste ancora qualcosa di veramente concreto.

Ma, tornando alla nostra Vector M12, l’auto all’asta per Barrett-Jackson è esattamente la dodicesima delle 14 costruite, realizzata nel 1999 per il principe del Brunei, con livrea esterna nera e interni in pelle rossa. Secondo la descrizione della casa d’aste, la Vector M12 è stata rimessa a nuovo nel 2019 con un tagliando approfondito, e il contachilometri segna appena 2.160 miglia percorse (circa 3.500 chilometri).

Chi vuole provare ad aggiudicarsela può registrarsi e fare un’offerta sul sito ufficiale di Barrett-Jackson. L’asta sarà a Scottsdale, dal 20 al 27 marzo.

Ultima modifica: 18 marzo 2021

In questo articolo