Porsche Taycan è l’auto più veloce del mondo. Al chiuso

278 0
278 0

Porsche Taycan, la supercar elettrica della casa di Stoccarda, è entrata nel libro del Guinness dei Primati grazie a una prova di velocità molto particolare. Il pilota statunitense Leh Keen ha infatti spinto fino a 165,1 km/h una Taycan Turbo S all’interno della sala espositiva del New Orleans Convention Centre (ampia circa 93 mila metri quadrati), stabilendo così il record mondiale ufficiale di velocità massima raggiunta da un veicolo guidato all’interno di un edificio chiuso.

Si tratta di un primato poco conosciuto: il precedente record di velocità indoor era di 138,4 km/h. Le regole di ingaggio, per poter rientrare in tale particolare record, appaiono scoraggianti. Keen ha dovuto infatti iniziare la propria performance da fermo, senza la possibilità di rincorsa. Non solo: all’interno dell’edificio non vi erano (e non potevano esserci) vie di fuga, reti di sicurezza, porte aperte. Il tutto doveva avvenire in un ambiente completamente chiuso. Non sorprende dunque che il precedente record durasse da ben sette anni.

Il pilota si è affidato dunque allo scatto portentoso della Porsche Taycan, nella versione sportiva Turbo S, in grado di coprire da 0 a 100 km/h in appena 2,8 secondi, risolvendo dunque il problema della mancanza di rincorsa.

Un altro ostacolo importante da superare è stato il pavimento in cemento lucidato della sala espositiva del Convention Center di New Orleans: talmente liscio da essere scivoloso quanto una lastra di ghiaccio.

“Non mi sono reso conto della portata di questo tentativo di record fino alla mia prima corsa esplorativa”, dice Leh Keen, “La superficie è così imprevedibile, così liscia, che devi avere totale fiducia nella tua auto. È stato davvero come essere sul ghiaccio. E stai fra l’altro accelerando al massimo, affrontando un muro solido alla fine del percorso. All’improvviso anche uno spazio enorme come quello che avevamo a disposizione sembra piccolissimo”.

Prima di effettuare la corsa ufficiale, Keen ha effettuato diversi giri a bassa velocità, per studiare il percorso e le azioni corrette da compiere. Una volta presa sicurezza, Keen ha effettuato il primo e subito vincente tentativo, raggiungendo appunto la notevole velocità di 165,1 km/h, frenando poi in tempo prima di schiantarsi contro la parete di fondo della grande sala.

Ultima modifica: 11 febbraio 2021

In questo articolo