Porsche 911: ecco l’unico esemplare antiproiettile mai prodotto

310 0
310 0

Nel mondo ci sono facoltosi appassionati di auto che sono anche molto attenti alla propria sicurezza, e che decidono dunque di dotare il proprio veicolo di una blindatura. Di solito l’operazione viene fatta fare a dei tuner o a preparatori terzi: è raro che le case automobilistiche producano veicoli antiproiettile. È dunque una rarità questa Porsche 911 realizzata dalla stessa azienda di Stoccarda, già attrezzata per resistere ai colpi di arma da fuoco.

Si tratta di una Porsche 996 Carrera color turchese, un modello unico nel suo genere sfornato a metà degli anni Novanta e dotato di una serie di accorgimenti che lo rendono antiproiettile. La sua produzione seguì la richiesta speciale di un cliente e, per non si sa quali motivi, l’auto è rimasta poi comunque di proprietà dell’azienda tedesca. Ora si trova al Porsche Museum di Stoccarda, a testimonianza di un pezzettino di storia della casa.

A livello tecnico, questa Porsche 996 Carrera è stata resa antiproiettile grazie ad alcune aggiunte ad hoc. I vetri sono rinforzati e hanno uno spessore di ben 20 millimetri. Per la carrozzeria Porsche non ha usato acciaio, ma un materiale composito chiamato Dyneema, in grado di assorbire con grande efficacia colpi molto forti. La Porsche blindata sarebbe capace, secondo l’azienda, di resistere al fuoco di armi caricate con proiettili calibro 9 millimetri e revolver .44 Magnum.

Il lavoro di blindatura ha ovviamente influito sul peso. Dai circa 1.317 chili di una Porsche 996 Carrera normale, si è arrivati a ben 2.772 chili di peso, oltre il doppio. Una caratteristica che logicamente tocca le prestazioni e soprattutto i consumi, considerando che il motore è lo stesso della variante originale (un 3,4 litri da 296 cavalli).

Porsche non ha più prodotto veicoli blindati e i motivi sono molto semplici: costi troppo alti e una domanda troppo bassa (o addirittura inesistente).

Ultima modifica: 26 gennaio 2021