Il numero della auto sulle strade europee verrà dimezzato: lo dice la UE

699 0
699 0

A Londra, al summit del Financial Times “Future of the Car”, la Commissaria europea per i trasporti, la slovena Violeta Bulc, ha descritto quello che sarà, nelle intenzioni dell’Unione Europea, il futuro della mobilità nel Vecchio Continente.

La prospettiva è quella di vedere un numero di auto in circolazione dimezzato e un cambio di mentalità riguardante il mezzo automobile, che si trasformerà in un elemento di una rete più complessa di trasporto. “Le persone vorranno ancora possedere automobili, ma l’auto diventerà un modulo per supportare i bisogni di individui e aziende”.

Parlando di possesso di automobili, la Bulc prevede che il numero di proprietari si ridurrà drasticamente, e così anche il numero di persone con una patente di guida. Tale processo avrà come principale propulsore lo sviluppo delle tecnologie di guida autonoma, che permetteranno una mobilità più efficiente.
Un campo su cui l’Unione Europea intende impegnarsi parecchio: sempre al summit si è parlato di uno sforzo economico da parte della UE da 450 milioni di euro, distribuiti in investimenti destinati alla realizzazione di reti stradali e infrastrutture adatte a sostenere un traffico fatto da mezzi senza conducente. Verranno coinvolte anche le aziende e le industrie attive nell’automotive e nelle tecnologie, per elaborare un piano normativo coerente ed efficace.

Ultima modifica: 15 maggio 2018