Moto GP: che tipo di pilota sei

625 0
625 0

Molti appassionati si chiedono come diventare piloti di Moto GP. Non è semplice, per entrare nel motociclismo come professionista, è indispensabile avere alcuni requisiti fondamentali. Per diventare pilota di moto GP è importante mostrare di essere veloci. In seguito a questo talento, verranno esaminati gli stili di guida e le persone che circondano il “futuro campione”. Il suo carattere è influenzato anche da questo. E tu che tipo di pilota sei?

Moto GP, a chi assomigli?

Cerchiamo di capire quale campione di Moto GP si avvicina di più al tuo carattere, al tuo modo di vivere e praticare lo sport. A questo scopo iniziamo con il parlare di alcuni dei Campioni delle scorse edizioni del Moto GP.

MARQUEZ CAMPIONE DEL MONDO 2017

Il pilota della Suzuki, Marc Marquez ha trascorso un bel week end a Valencia con la vittoria del titolo mondiale dello scorso anno. Marc, durante un’intervista, ha elogiato il grande rivale: “È incredibile come Valentino mantenga la motivazione e la voglia di migliorarsi. Se mi paragonano a lui è incredibile”. “Il mio futuro? Continuerò finché il corpo me lo consentirà”.

Marc Marquez vede nel rivale un punto di riferimento. La sua idea è chiara: vivere il presente, non pensare al futuro. Ora corre per la Honda. Uno sportivo che non perde la motivazione di gareggiare e di entusiasmarsi insieme agli amici. Sono queste le sue parole: “Noi sportivi dobbiamo vivere il presente. Oggi risponderei che finché il corpo me lo consentirà, continuerò con le moto. Si tratta di mantenere la motivazione, assorbire gli infortuni, cercare anche l’ambiente giusto. E’ per questo che continuo a vivere a Cervera, dove ci sono i miei amici: è il modo di mantenere l’entusiasmo di quando ho iniziato“.

E Valentino Rossi, Il Dottore della Yamaha? Nella competizione mondiale del 2018 Valentino Rossi non si illude. Non è mai riuscito ad oltrepassare il terzo posto. La fabbrica di Iwata dovrebbe accelerare i tempi per permettere al grande Campione di gareggiare. Si rende conto di non essere abbastanza veloce, anche se la Yamaha sta provando il massimo. Realista, come solo un grande campione sa essere, ammette le sue lacune e quelle della sua squadra, senza mai mollare la presa.

Maverick Vinalesì

Nel MotoGP 2018 ad Assen, la classifica fp2 vede Vinales primo. Siamo ancora al top per la Yamaha. Lo spagnolo è tornato in testa con la sua moto, seguito per poco più di un decimo da Andrea Iannone, con la Suzuki.

Maverick Vinales era euforico in seguito alla prima giornata di prove del GP di Catalogna, ora è molto pessimista dopo l’ennesima gara lontana dal podio. Sono sue le parole: “Non ho idea di cosa sia successo, mi aspettavo una gara completamente diversa“.

Vinales, è più emotivo dei primi due, che sembrano pensare a migliorare il presente, senza perdere tempo. Tre campioni di moto GP, caratteri diversi e tu in chi ti rivedi?

Ultima modifica: 2 luglio 2018