In Michigan la prima strada che parla alle auto. Utile ai test per guida autonoma

722 0
722 0

In Michigan, nella contea di Oakland, sono in corso dei lavori di ammodernamento sulla Interstate 75. Perché ci interessa? Semplicemente perché verrà installato per la prima volta un sistema di comunicazione fra veicoli e infrastrutture (il cosiddetto V2I).

DI COSA SI TRATTA
È un progetto voluto dal Dipartimento dei Trasporti del Michigan in collaborazione con 3M, multinazionale che si occupa di ricerca e innovazione. Circa 4 chilometri della I 75, che vanno da Coolidge a South Boulevard, saranno attrezzati con tecnologie di comunicazione che permetteranno un dialogo fra la strada e i veicoli già equipaggiati con sistemi di connessione. Una sorta di banco di prova per le aziende automobilistiche, utile anche per lo sviluppo dei sistemi di guida autonoma.

INFORMAZIONI DEDICATE
Il portavoce del Dipartimento dei Trasporti del Michigan, Rob Morosi, ha spiegato che per i conducenti non ci sarà alcun cambiamento visibile sulle strade. La segnaletica non cambia, ma le auto potranno leggere e ricevere delle informazioni dedicate, fornite attraverso impulsi o codici a barre posizionati ad hoc. I veicoli potranno così informare il proprio autista della presenza di cantieri in corso, per esempio, o di possibili situazioni di maltempo più avanti lungo il percorso.

Questo progetto di modernizzazione porterà il Michigan a essere una delle prime istituzioni pubbliche a testare le infrastrutture dedicate a veicoli connessi e automatizzati. Già a livello mondiale lo stato americano è riconosciuto fra i più attenti allo sviluppo delle nuove forme di mobilità, su tutte quella a guida autonoma. Ricordiamo in particolare la Mcity dell’Università del Michigan, una sorta di città in miniatura (32 acri) dedicata ai test delle auto driverless.

Leggi anche: K-City, la città coreana artificiale dedicata alle auto a guida autonoma

Ultima modifica: 31 maggio 2017