Meeting Internazionale Fiat 500 di Garlenda, un successo

467 0
467 0

Si è chiusa la 36ª edizione del Meeting Internazionale Fiat 500 di Garlenda (SV), il più importante evento nel calendario del Fiat 500 Club Italia. I partecipanti sono stati 920, in rappresentanza di 11 nazioni (oltre all’Italia erano presenti equipaggi provenienti da Francia, Germania, Belgio, Olanda, Repubblica Ceca, Gran Bretagna, Spagna, Svizzera, Austria e Irlanda, quest’ultima ospite d’onore 2019).

L’evento ha celebrato anche i 35 anni del sodalizio, che è il più grande club di modello al mondo con oltre 21.000 iscritti, e vi è stata occasione anche per festeggiare il trentennale della rivista sociale “4PiccoleRuote”.

Domenica mattina centinaia vetture si sono ritrovate all’Ippodromo dei Fiori di Villanova d’Albenga. Momento clou della mattinata è stata la realizzazione di un enorme mosaico di cinquini per comporre la cifra “35°” in onore del trentacinquesimo anniversario del sodalizio. L’indicatore ordinale “°” è stato realizzato con le quattro vetture provenienti dall’Irlanda, nazione d’onore 2019.

Il Meeting si è svolto nell’arco di tre giornate (da venerdì 5 a domenica 7 luglio), preceduto da un lungo prologo battezzato “Aspettando il Meeting”, che sin da lunedì 1° luglio ha previsto gite, degustazioni ed intrattenimenti vari per i cinquecentisti giunti in anticipo in zona per trasformare la partecipazione alla manifestazione in un’occasione di vacanza.

Le vetture hanno percorso centinaia di chilometri su e giù lungo le strade tra costa ed entroterra, toccando numerose località (Albenga, Arnasco, Ortovero, Andora, Laigueglia, Villanova d’Albenga, Leverone di Borghetto d’Arroscia) e scoprendo paesaggi&sapori.

Lo spettacolo del sabato sera – una sorta di divertente “corrida”, che ha rivelato talenti nascosti dei cinquecentisti e dei membri dello staff – ha ulteriormente animato la festa per il compleanno del Club, il cui importante apporto al turismo ed alla cultura in Riviera è stato sancito dalla posa di una piastrella sul Muretto di Alassio.

Le parole del direttore del Meeting, Alessandro Scarpa

«La fortuna di un evento come questo – e che è alla base del successo del Fiat 500 Club Italia – va ricercata nella capacità di coinvolgere intere famiglie, uomini e donne, anziani e giovani, in una vera esperienza emozionale che supera l’ambito del motorismo storico

La Fiat 500 è molto più di un mezzo di trasporto: ha avuto un’importanza fondamentale nella società italiana degli anni ’60-’70 ed oggi è riconosciuta come un’icona.

Ma ciò che sorprende è la forza aggregante di un’utilitaria assolutamente “trasversale”, che piace a più di una generazione e ha sempre il sapore della novità.

Ultima modifica: 8 luglio 2019

In questo articolo