“Le auto diesel sono finite”, lo dice il Commissario Europeo per l’industria

835 0
835 0

Che il diesel sia ormai uno spauracchio è un dato di fatto. L’ennesima prova arriva dal Commissario Europeo per il mercato interno, l’industria, l’imprenditoria e le piccole e medie imprese Elzbieta Bienkowska, la quale ha recentemente affermato che “le auto diesel sono finite”.

Leggi anche: Ad Amburgo scatta il divieto per i vecchi diesel

Una frase lapidaria, espressa durante un’intervista a Bloomberg, che riassume chiaramente l’atteggiamento delle istituzioni europee nei confronti del gasolio. “Penso che tra alcuni anni spariranno completamente [le auto diesel]. È una tecnologia del passato”, ha aggiunto la Bienkowska, la quale ha individuato nello scandalo Dieselgate di Volkswagen il momento in cui l’opinione pubblica, e non solo, ha iniziato a considerare con più attenzione i temi delle “emissioni e delle automobili più pulite”.

Proprio lo scandalo Volkswagen può essere, nel ragionamento della Bienkowska, un motivo di impegno per l’Unione Europea per prepararsi a una rivoluzione tecnologica nel trasporto su strada. Il Vecchio Continente sta infatti cercando il modo di mantenere una leadership nel mercato auto, in lotta con la forte concorrenza proveniente da Stati Uniti (patria di Tesla) e Cina, ossia la più grande piazza di vendita al mondo nel settore dedicato ai veicoli elettrici.

Per l’attuale Commissione Europea il futuro della mobilità deve essere dunque a zero emissioni, nonostante ci siano ancora diverse resistenze da parte di alcune aziende automobilistiche, orientate a mantenere, perlomeno nell’immediato, i vecchi sistemi di propulsione, migliorando la qualità degli attuali motori.

Ultima modifica: 29 maggio 2018