Ecco l’aspetto della nuova Aston Martin DBS GT Zagato

293 0
293 0

Aston Martin ha finalmente rivelato l’estetica della prossima DBS GT Zagato, attraverso una serie di immagini teaser ufficiali. Ricordiamo essere una delle auto più attese degli ultimi tempi, per la sua esclusività in termini stilistici e per l’importanza simbolica che la casa inglese ha voluto darle.

Non a caso per averla si è costretti ad acquistare anche la sorella maggiore Aston Martin DB4 GT Zagato Continuation (per circa 7 milioni di euro la coppia), riproduzione fedelissima dell’omonimo modello del 1960: un’iniziativa commerciale e celebrativa che la casa di Gaydon ha chiamato DBZ Centenary Collection, con solo 19 esemplari per ogni serie da realizzare in onore ai 100 anni della mitica carrozzeria Zagato (ne avevamo parlato in questo articolo).

Leggi anche: DBZ Centenary Collection: Aston Martin presenta le auto per i 100 anni di Zagato

Dalle immagini pubblicate da Aston Martin si può notare come la DBS GT Zagato sia in grado, esteticamente, di richiamare le forme morbide e muscolose, ricche di eleganza, caratteristiche dei modelli anni Sessanta, ma senza tralasciare un’anima sportiva e grintosa più vicina allo stile degli attuali esemplari presenti nel catalogo Aston Martin.

Aston Martin DBS GT Zagato 1
Aston Martin DBS GT Zagato (Foto: Aston Martin)
Aston Martin DBS GT Zagato 2
Aston Martin DBS GT Zagato (Foto: Aston Martin)
Aston Martin DBS GT Zagato 3
Aston Martin DBS GT Zagato (Foto: Aston Martin)

Le principali novità che emergono dai teaser sono due. Una è il tettuccio realizzato con una grande lastra di fibra di carbonio, che conferisce alla DBS GT Zagato un aspetto ancora più muscoloso. Non vi è dunque il lunotto, ma si è ovviato inserendo un sistema di telecamere che sostituisce il classico specchietto retrovisore.
L’altro elemento inedito è invece la grande griglia frontale dinamica: ognuno dei 108 pezzi di fibra di carbonio a forma di diamante si muove, chiudendosi quando l’auto è a riposo e aprendosi quando la si accende, permettendo al possente motore V12 biturbo da 6 litri di respirare bene.

Ultima modifica: 9 luglio 2019

In questo articolo