lancia: Epsilon Corsa la lancia più antica è del 1912

308 0
308 0

Lancia Epsilon Corsa dell’anno 1912 è la Lancia più antica prodotta dalla casa di produzione automobilistica italiana; scopriamo le sue caratteristiche.

Un esemplare di Lancia Corsa realizzato nel 1912, è stato recentemente esposto a Roma, presso la Galleria Alberto Sordi. Si tratta della versione sportiva della Lancia HP 20/30 Passo Lungo, che prese parte alla nota manifestazione Targa Florio, nell’anno 1913. Lancia Epsilon Corsa è senza dubbio un grande pezzo di storia dell’automobilismo italiano. Oltre a quello esposto presso la Galleria Alberto Sordi in Roma, è stato possibile ammirare un altro modello funzionante di questo veicolo storico, nel centro della Capitale.

Lancia Corsa del 1912 fu la vettura amata da Pietro Bordino, che nel corso degli anni 20, insieme a Felice Nazzaro e Antonio Ascari, fu certamente uno dei piloti italiani più famosi e conosciuti; questo modello di Lancia Corsa è un vero e proprio cimelio per tutti gli appassionati internazionali di automobili storiche e d’epoca. Fino alla fine del mese di marzo gli amanti dei veicoli d’epoca hanno potuto osservare questo modello alla Galleria Alberto Sordi a Roma.

L’auto esposta alla Galleria Alberto Sordi, è di proprietà di Sorgente Group Historic Car Collection; si tratta di una preziosa ed esclusiva raccolta di automobili d’epoca, che celebrano la storia di eccellenza dell’automobilismo italiano ed inglese. Il modello di Lancia HP 20/30 Passo Lungo o Tipo 48, è una vettura prodotta nel corso degli anni 1912 e 1913, in circa 350 esemplari. Si tratta sostanzialmente di una sorta di versione a passo lungo della Delta; essa era infatti in grado di contenere una carrozzeria di dimensioni considerevolmente maggiori; l’autoveicolo, per un certo periodo venne affiancato dalla produzione della Lancia Eta; quest’ultima si sostituì definitivamente alla Lancia Passo Lungo, a partire dall’anno 1913.

Il modello originale di Lancia Eta, era un veicolo con motore a quattro cilindri, progettato dall’ingegnere Vincenzo Lancia in persona, subito dopo la realizzazione della Lancia Delta. Entrambi gli autoveicoli vennero denominati utilizzando le lettere dell’alfabeto greco. In particolare, l’esemplare di Lancia Sorgente, è uno dei veicoli giunti fino ai giorni nostri; un altro modello si trova invece presso il Museo Schlumpf in Francia.

Il veicolo esposto presso la Galleria Alberto Sordi in Roma è il modello sportivo, denominato per l’appunto Corsa. Questo veicolo fu appositamente costruito per le competizioni sportive e dunque concepito e realizzato, privo delle protezioni per il passeggero. Il veicolo Corsa era inoltre dotato di un serbatoio più profondo e dei particolari accessori da gara.

Ultima modifica: 12 aprile 2018