Lamborghini vince per la prima volta la Road to Le Mans, è doppietta

355 0
355 0

I Factory Driver Andrea Caldarelli e Hiroshi Hamaguchi regalano il primo successo a Lamborghini nella Road to Le Mans, vincendo entrambe le manche al volante della Huracan GT3 Evo del team FFF Racing by ACM.

Andrea Caldarelli

II quinto round stagionale della Le Mans Cup, campionato vinto da Lamborghini nel 2017, si e disputato sui circuit de Ia Sarthe alia vigilia della 24 Ore di Le Mans 2020. Caldarelli ha centrato Ia pole position della categoria GT3 nella prima sessione di qualifica del venerdl, grazie a un crono di 3:54.716, seguito dal secondo tempo di Hamaguchi nelle 02.

In Gara 1 l’equipaggio del team FFF Racing ha dominato dal primo all’ultimo giro: scattato perfettamente dalla pole, Hamaguchi ha consolidato il comando durante i primi minuti, lasciando Ia vettura a Caldarelli con un ampio margine sugli inseguitori. lmpeccabile anche Ia prestazione del piIota ufficiale Lamborghini, che ha tagliato il traguardo con un vantaggio di 16 secondi suiIa Ferrari n. 8, seconda sul  podio.

Nella seconda manche, caratterizzata da asfalto bagnato e da un lungo periodo sotto regime di safety car, Hamaguchi e partito dalla seconda posizione aspettando il momenta giusto per l’attacco. Nel giro successive al rientro della safety ha conquistato Ia testa della gara grazie a un bel sorpasso alia prima chicane Mulsanne. II giapponese ha consegnato al compagno Ia Huracan GT3 Evon. 63 in prima posizione e Caldarelli ha mantenuto Ia leadership fino alia fine, resistendo alia pressione della Ferrari n.74, staccata di un soffio al traguardo.

Andrea Caldarelli
Andrea Caldarelli

Le parole Andrea Caldarelli

Hiroshi ha fatto un lavoro eccezionale in entrambe le gare, cosl come i ragazzi del team che ci hanna data una macchina perfetta. Vincere a Le Mans semplicemente fantastico“.

Le parole di Hiroshi Hamaguchi

Sono molto contento di questa risultato: salire sui primo gradino del podio, per due volte, a Le Mans è una sensazione indescrivibile“.

Leggi anche: Huracan GT3 Evo, la perla da pista di Lamborghini

Ultima modifica: 19 settembre 2020

In questo articolo