Lamborghini Super Trofeo, al Nürburgring doppietta di Galbiati Postiglione

158 0
158 0

Doppietta, due su due al Nürburgring per Kikko Galbiati e Vito Postiglione. Un weekend perfetto quello dell’equipaggio dell’Imperiale Racing, che in Gara 2 ha bissato la vittoria di sabato, replicando il risultato di Misano. Il quinto dei sei doppi round del Lamborghini Super Trofeo Europa ha confermato la situazione di equilibrio nella classe Pro. Sono soltanto cinque adesso i punti che Sergei Afanasiev e Danny Kroes, autori di un doppio podio in Germania con i colori del team Bonaldi Motorsport e ancora leader della classifica, vantano sul binomio tutto italiano.

Ancora in gioco per la volata finale anche Stuart Middleton e Jack Bartholomew. Shota Abkhazava (ArtLine Team Georgia) e Nicolas Gomar (AGS Events) con una vittoria a testa hanno ipotecato rispettivamente il titolo della Pro-Am e quello della classe Am. Alquanto incerta la situazione nella Lamborghini Cup, che ha visto Gerhard van Der Horst tornare al successo e conquistare la sua seconda affermazione di questa stagione, portandosi a sole due lunghezze da Joseph Collado e a 13 dagli immutati leader Benoît e François Semoulin.

Dalla pole a sfilare al comando al “pronti via” è stato Postiglione, che aveva fatto segnare il miglior tempo nella seconda sessione di qualifica. Dietro di lui si è accodato Middleton, mentre Afanasiev ha guadagnato due posizioni risalendo terzo. Un fuoripista di Steven Liquorish, protagonista di un contatto con la vettura di Collado, ha reso subito necessario l’intervento della safety car. Un solo giro di neutralizzazione ed il restart, che ha visto ancora Postiglione involarsi al comando. Poco più di quattro secondi il vantaggio che quest’ultimo è riuscito ad accumulare nei confronti di Middleton prima dei pit-stop.

Il primo ad entrare ai box per le soste è stato Afanasiev, poi Postiglione e Middleton. Galbiati, che ha rilevato la vettura di testa, è tornato in pista proprio davanti a Bartholomew, salito in macchina al posto di Middleton. Venditti è risalito terzo, con Kroes (subentrato ad Afanasiev) attaccato alle sue spalle. L’italiano è riuscito a resistere fino a sei minuti dal termine, quando ha dovuto cedere strada al pilota del team Bonaldi Motorsport. Invariata invece la posizione di testa, con Galbiati che ha tagliato il traguardo davanti a Bartholomew e Kroes.

Nella Pro-Am tutto è filato liscio per il lettone dell’ArtLine Team Georgia, Harald Schlegelmilch, già vincitore di Gara 1, tornato ad essere affiancato da Abkhazava, sempre saldamente in testa alla propria classe con sei vittorie al suo attivo. A completare il podio, nell’ordine la coppia del team Leipert Motorsport formata da Oscar Lee e Jordan Witt e i due polacchi Grzegorz Moczulski e Andrej Lewandowski (GT3 Poland).

Quinto successo nella classe Am di Nicolas Gomar (AGS Events), come successo a Spa affiancato da Gilles Vannelet. Ancora un podio per Robert Zwinger, secondo dopo che in Gara 1 aveva messo tutti dietro con un’altra vettura della GT3 Poland. Terzo, ma più distanziato, il greco del team Target Racing, Antonios Wossos.

Dominio infine nella Lamborghini Cup di van Der Horst. Dietro di lui ha concluso Collado (AGS Events), mentre i fratelli Semoulin hanno portato a casa il terzo posto al termine di un fine settimana per loro poco proficuo.

Adesso seguirà una pausa di quasi due mesi, per ritornare in pista l’ultimo fine settimana di ottobre a Jerez de la Frontera. Sarà il circuito spagnolo ad ospitare infatti il conclusivo round del Lamborghini Super Trofeo Europa, che si disputerà nello stesso contesto della World Final 2019.

LA VOCE DEI PROTAGONISTI

Kikko Galbiati (1. assoluto e Pro): “Il team ha fatto davvero un bel lavoro, dandoci una vettura molto competitiva. Vito [Postiglione] è stato poi perfetto, facendo un ottimo primo “stint” di gara e amministrando al meglio le gomme. Ciò mi ha permesso, dopo le soste, di tirare al massimo dall’inizio alla fine, senza alcun tipo di problema. Dopo due appuntamenti difficili, finalmente siamo tornati a vincere, riaprendo anche il discorso campionato“.

Shota Abkhazava (1. Pro-Am): “Questa è la mia pista preferita e sono felice di essere riuscito a conquistare questo successo. Un successo che devo anche al mio team, a tutti quelli che hanno collaborato con noi e specialmente al mio compagno di squadra Harald Schlegelmilch che, come sempre, ha fatto un lavoro perfetto“.

Nicolas Gomar (1. Am): “Vannelet ha fatto un gran primo “stint”, andando subito al comando. Quando sono salito in macchina, mi è stato chiesto di non spingere. Sapevamo di avere del margine e qui era importante portare a casa altri punti“.

Gerhard van Der Horst (1. Lamborghini Cup):È stata una gara in cui ha funzionato tutto al meglio. Fin dall’inizio mi sono portato al comando, rimanendoci sino alla fine. Ho avuto un weekend in continua crescita e sono veramente contento di essere tornato a vincere“.

Ultima modifica: 1 settembre 2019

In questo articolo