La nuova Ghost sarà la “più pura espressione di Rolls-Royce”

288 0
288 0

Il numero uno di Rolls-Royce Torsten Müller-Otvös ha voluto fornire qualche anticipazione riguardante l’attesa nuova generazione di Rolls-Royce Ghost. Lo ha fatto attraverso una lettera aperta indirizzata ai potenziali clienti e ai media. L’oggetto principale di questa missiva è il design della nuova Rolls-Royce Ghost e l’importanza della sfida di lanciare una nuova auto extra lusso dopo un periodo tanto eccezionale come quello appena vissuto con la pandemia di Covid-19.

Secondo il capo di Rolls-Royce la nuova lussuosissima Ghost, che verrà presentata entro la fine del 2020, sarà “L’espressione più pura di Rolls-Royce”, con un design “essenziale” che riflette una nuova tendenza stilistica chiamata “Post Opulence” (in italiano “Post Opulenza”).

Müller-Otvös spiega nella sua lettera che, da quando è stata lanciata nel 2009, la Ghost è diventata immediatamente il modello di maggior successo nella storia di Rolls-Royce, grazie al suo perfetto connubio fra stile e comfort di altissimo livello. I clienti, dice Müller-Otvös, “hanno anche apprezzato la semplicità dell’auto”: la Ghost ha avuto successo soprattutto per le sue dimensioni ridotte rispetto alle colleghe del catalogo Rolls-Royce e per una minore ostentazione del lusso. “I nostri clienti hanno espresso un ardente desiderio di ancor più minimalismo nel design”.

Questa tendenza al minimalismo ha guidato la progettazione della nuova Ghost, per la quale si è lavorato su riduzione e moderazione, senza però tradire lo stile tradizionale della casa inglese.

“Ghost è l’espressione più pura di Rolls-Royce”, ha scritto Müller-Otvös, il quale ha continuato dicendo che “Distilla i pilastri del nostro marchio in un prodotto bello, minimalista, ma estremamente complesso, perfettamente in armonia con le esigenze dei nostri clienti Ghost e, credo, perfettamente in sintonia con i tempi in cui tutti stiamo vivendo”.

La nuova Rolls-Royce Ghost verrà presentata attraverso un evento digitale entro la fine dell’anno.

Ultima modifica: 27 luglio 2020