La Ferrari Dino 246 GT di Keith Richards all’asta

1204 0
1204 0

Il panorama delle aste dedicate alle auto appartenute ai vip si arricchisce con un’affascinante Ferrari Dino 246 GT del 1972, in vendita per Bonhams’ Sholto Gilbertson il prossimo 8 settembre. È un modello dal sapore rock: il primo proprietario è stato infatti Keith Richards, celebre chitarrista dei Rolling Stones.

Leggi anche: Honda Monkey del 1969 di John Lennon all’asta

Si tratta di un modello costruito nei primi anni Settanta appositamente per il mercato americano. Monta un motore V6 da 1,4 litri e 175 cavalli con cambio manuale ed è estremamente elegante nella sua livrea argento arricchita da inserti neri.

Il musicista acquistò questa Ferrari Dino 246 GT nel 1972 negli Stati Uniti e, nonostante il posto di guida fosse posizionato a sinistra, se la fece spedire nel Regno Unito, dove la utilizzò molto frequentemente. La storia narra che, addirittura, il chitarrista la usò anche per spostarsi in giro per l’Europa, seguendo autonomamente i tour dei suoi compagni di band.

Interessante la testimonianza di Alan Dunn, storico tour manager dei Rolling Stones: “In questi tour europei degli anni Settanta la band volava ai concerti. Mentre Keith, che evitava di prendere aerei ogni volta che poteva, preferiva procedere sulla sua Dino, arrivando spesso all’hotel nel cuore della notte”.

Non è un caso, del resto, che questo gioiello a quattro ruote segni sul suo contachilometri 30mila miglia (circa 48mila chilometri), 25mila delle quali macinate proprio da Richards: un dato notevole per un’auto classica di questo tenore.

Leggi anche: Alfa Romeo Duetto di Muhammad Ali all’asta. Spider speciale

Richards si è tenuto la sua Dino fino al 1982, prima di cederla a un collezionista giapponese, il quale a sua volta l’ha conservata fino al 2014, vendendola a un’asta a Monaco. Fra l’altro l’ultimo proprietario è stato un altro musicista britannico: Liam Howlett dei Prodigy.

Per la Dino 246 GT di Keith Richards si stima un prezzo di vendita fra le 300 e le 400mila sterline (più o meno fra i 335mila e i 446mila euro)

Ultima modifica: 5 settembre 2018

In questo articolo