La curiosa storia dello scoiattolo che ha rotto una Golf

1445 0
1445 0

Lasciare ferma un’automobile per settimane può essere pericoloso: intemperie, ladri, scoiattoli. Sì, proprio gli scoiattoli sono i protagonisti di una curiosa vicenda accaduta a un venticinquenne inglese di nome Andrew Wilkins, che si è visto costretto a mandare in riparazione la sua Volkswagen Golf dopo un’imprevista incursione di uno o più roditori.

Leggi anche: Una McLaren 650S Spider mangiata da un asino. È successo in Germania

LA GOLF INFESTATA DALLE GHIANDE

Andrew è stato via per cinque settimane, in un viaggio fra Thailandia, Vietnam e India con la propria compagna, lasciando la propria auto in custodia dal suocero a Crawley, nel Surrey. Una volta ritornato, al momento di recuperare la sua Golf, si è reso conto di avere delle difficoltà a inserire le marce.

Ha dunque deciso di portare il veicolo dal meccanico, ma prima di arrivarci ha avuto un assaggio di ciò che poteva essere successo, scoprendo che il portaoggetti era diventato un inusuale deposito di decine e decine di ghiande.

Leggi anche: Le auto a guida autonoma di Volvo confuse dai canguri

Il meccanico, dopo nemmeno mezz’ora di indagine, ha telefonato ad Andrew spiegandogli che uno o più scoiattoli avevano trasformato la sua Golf in un magazzino di cibo per l’inverno. Ghiande dappertutto: nel portaoggetti, nella scatola del cambio e nel cofano.

190 EURO DI FATTURA E UN PO’ DI SENSO DI COLPA

La Golf di Andrew è stata riparata con facilità. La fattura è stata di 168 sterline (circa 190 euro), dove è stata inserita la rimozione di circa un centinaio di ghiande (e anche di un ratto morto dal vano motore, per non farsi mancare nulla).

Un lieto fine, che ha anche una punta di amaro. Così ha infatti commentato Andrew: “Ho avuto degli scoiattoli squatter per un mese. Mi sento in colpa, ho rovinato il loro inverno e tutto il loro duro lavoro”.

Ultima modifica: 3 gennaio 2018