La cinese Chery apre un centro di sviluppo in Europa

1317 0
1317 0

L’azienda cinese Chery Auto ha aperto la sua prima struttura in Europa. Si tratta di un centro di progettazione e sviluppo che si trova a due passi da Francoforte, più precisamente a Raunheim am Main. Le operazioni di reclutamento del personale sono già state avviate. Entro la fine del 2019 verranno assunte fra le 30 e le 50 persone. Ma anziché trasferire tecnici, ingegneri e designer dalla Cina all’Europa, Chery ha deciso di affidarsi ad esperti europei, “rubandone” qualcuno magari anche alle case automobilistiche locali.

Leggi anche: Chery, il SUV cinese per invadere l’Europa. Ibrido e hi-tech

È nota l’intenzione di Chery di inserirsi nel mercato europeo in una posizione di primo piano. La prova di quest’idea si è vista all’ultimo Salone di Francoforte (2017), durante il quale Chery si è presentata come una delle protagoniste, mostrando al mondo la sua Chery Exeed TX. Si tratta di un SUV d’alta gamma a propulsione ibrida o total electric, pensato appositamente per la piazza del Vecchio Continente, in grado (sulla carta) di concorrere con le colleghe a marchio BMW, Jaguar, Mercedes e Audi.

Tongyue Yin, presidente di Chery, ha così commentato l’annuncio dell’apertura della sede di Raunheim am Main: “Al Salone di Francoforte dello scorso anno ci siamo presentati come un marchio, ora realizzaremo i nostri piani per l’Europa direttamente in Europa. Lanceremo modelli dal nostro marchio di fascia alta Exeed. Saranno competitivi con i principali produttori europei in termini di qualità, design e tecnologia”.

Ultima modifica: 24 settembre 2018