La Aston Martin di Paul McCartney e la Mini di Ringo Starr all’asta

467 0
467 0

Fan dei Beatles e dei motori? Mettete insieme le due passioni e date fondo ai risparmi: il 2 dicembre alla casa d’aste Bonhams’ saranno infatti battuti due veicoli appartenuti ad altrettanti membri dei Fab Four. Nello specifico parliamo di una Aston Martin DB5 di Paul McCartney e una Mini Cooper di Ringo Starr.

Leggi anche: L’esclusiva Rolls-Royce Phantom V di John Lennon in mostra

LA ASTON MARTIN DI PAUL

È stata acquistata nel 1964 da McCartney, originariamente verniciata in color Sierra Blue con interni neri. Un’auto speciale, perché equipaggiata con tutta una serie di optional dedicati al musicista, come il giradischi integrato nel cruscotto.

Negli anni è passata attraverso diversi altri proprietari e collezionisti, subendo un accurato restauro che l’ha riportata alle condizioni originali. Il colore è stato cambiato: ora gli esterni sono in argento metallizzato e nell’abitacolo domina un elegante rosso Mulberry.

Da Bonhams’ stimano che la DB5 di Paul McCartney verrà battuta a un prezzo che si attesta fra 1,2 e 1,5 milioni di sterline, ossia circa 1,3-1,6 milioni di euro.

LA MINI DI RINGO

Per l’auto di Ringo Starr è previsto un prezzo più accessibile: tra le 90 e le 120mila sterline (circa 100-130mila euro). Si tratta di una Mini Cooper commissionata personalmente dall’ex batterista dei Beatles nel 1977. Questo modello ha infatti delle misure allargate, richieste per ospitare l’intero kit di batteria del musicista. È alto il livello di lusso negli optional e nelle finiture, tanto che l’auto è stata ribattezzata come la “Rolls-Royce delle Mini”. Fino a oggi è rimasta di proprietà della famiglia di Richard Starkey (vero nome di Ringo Starr) e negli anni ha partecipato a numerose manifestazioni ed eventi dedicati ad auto classiche, vincendo anche il premio Cartier Style et Luxe al Goodwood Festival of Speed del 1998.

Una nota curiosa: i fari provengono da un Maggiolone Volkswagen, che in inglese si chiama Beatle.

Ultima modifica: 15 novembre 2017

In questo articolo