Honda: un attacco informatico ferma la produzione

316 0
316 0

Non bastava il Coronavirus: anche gli hacker informatici creano problemi a Honda. L’azienda giapponese ha infatti dovuto sospendere la produzione di vari impianti nel mondo a causa di un attacco informatico.

“Domenica 7 giugno”, spiega una nota ufficiale, “Honda ha subito un’interruzione nella sua sua rete di computer che ha causato una perdita di connettività, con un impatto sulle operazioni aziendali. Il nostro team IT sta lavorando rapidamente per valutare la situazione”.

Secondo gli aggiornamenti dell’azienda, in Giappone la produzione è già stata fatta ripartire. In altre sedi, come ad esempio in Ohio, in Turchia, India o Brasile, ci sono ancora problemi da risolvere.

Non ci sono dettagli precisi su cosa sia successo. La stampa britannica (il Telegraph) spiega che i server Honda sono stati infettati da un malaware chiamato EKANS (che significa, letto al rovescio, “serpente”), un tipo di virus informatico ransomware, un malaware che limita l’accesso ai sistemi che infetta, richiedendo un riscatto, “ransom”, per la disattivazione.

Ultima modifica: 9 giugno 2020