Quando Gilles Villeneuve prese la multa a Imola, le prove a Nonantola

596 0
596 0

Curiosità divertenti da scoprire durante la visita alla mostra “Gilles 40, sulle ali del vento”, visitabile fino al 31 luglio prossimo, al Museo Cantina Giacobazzi/Gavioli di Nonantola, evento voluto dalla famiglia Giacobazzi, già sponsor del pilota canadese e amica della sua famiglia, per ricordare Gilles Villeneuve a 40 anni dalla sua scomparsa.

Nella rassegna, promossa da ACI (Automobile Club d’Italia), main partner dell’evento e curata da Matteo Brusa e Vision Up, col supporto di BPER Banca e B.I.G. Ciaccio Arte, oltre a cimeli, accessori, auto, carrozzerie, appartenuti ed utilizzati dal campione canadese, vi sono originali memorabilia che raccontano anche episodi e momenti particolari, come ad esempio la vicenda della multa che Gilles prese, il 22 aprile del 1982, con la sua Ferrari 400 da strada, azzurro metallizzato, dono del Drake, a Imola, dopo essere sbarcato dal suo elicottero e in procinto di spostarsi a Maranello.

Come riporta l’atto ufficiale esposto a Nonantola, sul cruscotto dell’auto originale protagonista del fatto, il vigile municipale Roberto Mantovani, di Imola, lo ‘beccò’ ad una velocità superiore a quella consentita e gli comminò una sanzione da 12.000 lire che Villeneuve pagò immediatamente.

Due curiosità

A fianco della multa è esposto anche il fischietto dell’agente Mantovani che, a quanto pare, non aveva idea di chi fosse il multato eccellente.

La mostra sarà visitabile dal martedi alla domenica con orari 9-13 e 15-19 con costo del biglietto intero a 8 euro e 6,00 ridotto per i possessori carta di credito o bancomat BPER Banca e tesserati ACI Automobile Club d’Italia e Club ACI Storico.

Ultima modifica: 30 giugno 2022