Ford dice addio a Le Mans con speciali livree celebrative

568 0
568 0

Ford ha deciso di abbandonare Le Mans. L’edizione 2019 (15 – 16 giugno) sarà (per il momento) l’ultima che vedrà gareggiare le Ford GT gestite dalla squadra Ganassi Racing. Per celebrare l’evento, l’Ovale Blu ha realizzato quattro nuove speciali livree che vanno a colorare le quattro auto in gara. Si tratta di tinte che vogliono rendere omaggio ai successi Ford nella classica del Circuit de la Sarthe di Le Mans.

FORD A LE MANS

Bill Ford, presidente esecutivo dell’azienda americana, ha così dichiarato presentando i nuovi colori delle GT: “Nel 2016 Ford è tornata a Le Mans per festeggiare i 50 anni dall’incredibile vittoria del 1966 e abbiamo celebrato al meglio la ricorrenza andando a vincere a Le Mans nella prima classe. Non vediamo l’ora di tornare a correre a Le Mans per la nostra ultima gara”.

Con queste parole il numero uno Ford ha in sostanza chiuso il programma iniziato nel 2016, quando appunto l’Ovale Blu ritornò a correre nella celebre competizione francese per celebrare i 50 anni dalla storica vittoria della Ford GT40 del 1966. La storia racconta che all’epoca Henry Ford II volle dimostrare a Enzo Ferrari le capacità dei propri mezzi, dopo che tre anni prima il patron del Cavallino si rifiutò di cedere la propria azienda al colosso automobilistico americano. La Ford GT40, dopo il 1966, vinse per altre tre volte consecutive a la Sarthe.

LE QUATTRO FORD GT DI LE MANS 2019

All’edizione 2019 di Le Mans correranno dunque quattro modelli vestiti con altrettante livree celebrative.

La Ford GT numero 66, guidata da Stefan Mücke (GER), Olivier Pla (FRA) e Billy Johnson (USA), si presenta in nero, in omaggio alla Ford GT40 di Bruce McLaren e Chris Amon che vinse a Le Mans nel 1966.

C’è poi la GT numero 67, pilotata da Andy Priaulx (GB), Harry Tincknell (GB) e Jonathan Bomarito (USA), in rosso e bianco come la GT40 che Dan Gurney e A.J. Foyt guidarono alla vittoria a Le Mans ’67.

Dirk Müller (GER), Joey Hand (USA) e Sébastien Bourdais (FRA) correranno a bordo della Ford GT numero 68 con gli stessi colori di quando ha vinto Le Mans nel 2016, in azzurro, bianco e rosso.

Infine, la Ford GT numero 69 di Scott Dixon (NZ), Ryan Briscoe (AUS) e Richard Westbrook (GB) prende spunto dal design della Ford GT40, seconda sul podio nel celebre en plein (primo, secondo e terzo posto) Ford a Le Mans nel 1966.

Ultima modifica: 2 giugno 2019