Fiat compie 120 anni: i modelli che hanno fatto la storia

130 0
130 0

Dalla 3 ½ HP, primo modello in assoluto di casa Fiat, alla Centoventi, la concept car che l’azienda torinese presenterà al prossimo salone di Ginevra. Nel mezzo ci sono 120 anni di storia dell’auto, con modelli che hanno reso celebre Fiat nel mondo, dalla 500 alla Panda, passando per la Uno, la Tipo, la 127 e la Ritmo, modelli di punta e autentiche icone che hanno accompagnato negli anni la storia automobilistica italiana.

Il primo modello Fiat è stato realizzato 120 anni fa

Si tratta della 3 ½ HP, un modello realizzato a partire dalla Welleyes, veicolo ideato da una casa di produzione – la Accomandita Ceirano – comprata proprio nel 1899 dalla Fiat. Poco più di un prototipo, realizzato in soli 26 esemplari. La prima vera “utilitaria” dell’azienda torinese risale invece al 1908 e si chiamava Tipo 1, seguita nel 1912 dalla Tipo Zero, prodotta in ben 2200 pezzi. La voglia di auto degli italiani, sponsorizzata dal regime fascista, spinge Fiat a realizzare, nel 1932, la celebre 508 Balilla, che resterà in commercio fino al 1939. E sempre degli anni che precedono il secondo conflitto mondiale – esattamente del 1936 – è forse l’auto più famosa dell’azienda torinese, la 500 “Topolino”, progettata dal designer Dante Giacosa e venduta fino al 1955.

Il primo fuoristrada, la 600 e la nuova 500

Nel 1951 nasce la mitica Campagnola, primo fuoristrada di casa Fiat, realizzato per sostituire le jeep degli alleati arrivate in Italia con la guerra. Due anni più tardi arriva la prima familiare, la 1100, con linea a tre volumi e parafango integrato nella carrozzeria. Nel 1955 vede la luce la 600, simbolo del boom economico italiano, la prima vera auto di massa del Bel Paese. Sarà in produzione fino al 1969 con più di due milioni e mezzo di esemplari venduti. Il 4 luglio del 1957 arriva un’altra autentica icona mondiale dell’auto, la 500. E anche se il debutto non fu dei più semplici, il mitico Cinquino Fiat, sarà venduto in più di 5 milioni di esemplari.

La prima spider, la 126 e la Panda

Auto dell’anno 1967 e “mamma” della moderna spider è la Fiat 124, una delle prime auto sportive dell’azienda. Nel 1971 è tempo di una nuova utilitaria che faccia muovere il paese: arriva sulle strade italiane la 127, erede della 850 e venduta in 5.124.289 esemplari fino al 1987. L’anno dopo, nel 1972, debutta l’erede della 500, la 126, disegnata dal designer Pio Manzù e destinata a un successo straordinario. Del 1978 è invece la Ritmo, strutturata per ospitare comodamente 5 persone, accessoriata con il portellone posteriore. È del 1980 il debutto della Panda, disegnata da Giorgetto Giugiaro e autentico successo planetario di casa Fiat.

La Uno, la Tipo, la Punto e la nuova 500

L’erede della 127 è del 1983, viene presentata in grande stile a Cape Canaveral e si chiama Uno. Diventerà un grande successo (ottava auto più venduta al mondo) con quasi 9 milioni di esemplari commercializzati in due differenti modelli. La Tipo arriva sul mercato nel 1988, la Punto nel 1993, entrambe sono auto che hanno fatto la storia dell’automobilismo italiano. L’auto del centenario infatti sarà un restyling della Punto, seguita poi nel 2005 dalla Grande Punto. Una grande icona del passato segna anche la fine del periodo buio della Fiat con parecchi modelli che hanno faticato a trovare spazio sul mercato. Si tratta della nuova 500 che, nel 2009 arriverà anche nella versione cabrio.

La Fiat Centoventi al salone di Ginevra

Dopo gli ultimi modelli che sono perlopiù dei rifacimenti di quelli precedenti, come la 500 XL e la nuova Panda, Fiat prova la svolta verso il futuro con Centoventi, la concept car che il marchio torinese presenterà in esclusiva al prossimo Salone dell’auto di Ginevra. Un’auto totalmente elettrica che guiderà l’azienda di Torino alla ricerca di nuove sfide.

Ultima modifica: 26 luglio 2019

In questo articolo