Ferves Ranger: la spiaggina freak anni ’60 all’asta

646 0
646 0

La Ferves Ranger non ha avuto un grande successo commerciale quando uscì a metà degli anni Sessanta. Ora però chi la possiede ha fra le mani un vero e proprio tesoro ricercato dai collezionisti. Un esemplare verrà battuto all’asta il prossimo 6 marzo ad Amelia Island, in Florida, a una vendita organizzata da Sotheby’s. Ci si aspetta una cifra almeno a cinque zeri.

La Ferves Ranger venne presentata per la prima volta al Salone di Torino del 1966. Il nome del marchio, una piccola carrozzeria di Torino, derivava dall’abbreviazione dei termini FERrari VEicoli Speciali: il Ferrari in questione però non era quello di Maranello, bensì l’omonimo ingegner Carlo Ferrari che si occupò di progettare la Ranger.

Si trattava di una eccentrica combinazione fra la Fiat 500 e la Fiat 600, amalgamate per restituire una piccola spiaggina con un appeal da fuoristrada. Carrozzeria aperta, parabrezza pieghevole e quattro posti: leggera e particolare, forse già in qualche modo nata per essere esposta o collezionata come un oggetto di design. La Ferves Ranger veniva offerta sia a due che a quattro ruote motrici e grazie alla sua leggerezza e a un rapporto di trasmissione basso era in grado di affrontare anche terreni difficili. Della Ranger ne vennero costruiti circa 600 esemplari, ma si stima che ne siano rimasti al mondo appena una cinquantina.

Uno di questi “giocattolini”, datato 1968, avrà appunto il suo momento di gloria ad Amelia Island. Non si ha un prezzo di partenza, ma ci basti sapere che un modello simile di Ferves Ranger è stato venduto lo scorso anno a un’asta di Sotheby’s a Monterey per ben 196mila dollari, circa 178mila euro.

Ultima modifica: 5 febbraio 2020

In questo articolo