FCA Autonomy e i diversamente abili durante il lockdown. Una testimonianza

388 0
388 0

Antonio è un 42enne bolognese insegnante di educazione fisica e sostegno alle scuole medie, oltre che grande viaggiatore e appassionato di sport. Nella clip di un minuto l’insegnante racconta la sua esperienza di quarantena per via del Covid-19, un’emergenza nazionale che ha limitato la libertà di tutti, normodati e diversamente abili, negli spostamenti e nelle attività quotidiane. Ora si riparte e le parole di Antonio cercano di sensibilizzare le persone normodotate sulla condizione e la forza di tutti i giorni delle persone diversamente abili. Questo significa avere una #UNAMARCIAINPIU, non essere dei supereroi ma saper affrontare i propri limiti con uno spirito positivo, puntando sempre alla normalità.

FCA Autonomy Logo

Prosegue quindi l’impegno di FCA Autonomy – da oltre venti anni vicina alle tematiche legate alla mobilità delle persone disabili – verso queste tematiche dal forte impatto sociale e culturale, sempre all’insegna del motto #UNAMARCIAINPIU che vuol dire trovare gli stimoli, le risorse, l’ottimismo necessario per affrontare la vita con positività. E una marcia in più è anche quella che Autonomy mette a disposizione con i suoi servizi, le sue iniziative e i Centri di Mobilità, diventando uno strumento in più per vivere la propria vita nel modo più normale possibile.

FCA Autonomy, la storia

Nato nel 1995, il programma di mobilità di FCA consente a chi presenta limitazioni motorie, sensoriali o intellettive di muoversi in totale autonomia e libertà con le auto e i veicoli commerciali del Gruppo FCA. Inoltre, FCA Autonomy supporta il disabile nell’ottenimento della patente speciale tramite l’attività dei Centri di Mobilità presenti in tutta Italia, dove è possibile testare le proprie capacità motorie grazie a speciali simulatori, prendere confidenza con le vetture modificate ed inoltre ricevere informazioni utili in materia di allestimenti per la guida ed il trasporto.

Ultima modifica: 11 giugno 2020

In questo articolo