Droni che vigilano sul traffico e mandano le multe. Succede in Francia

836 0
836 0

Autovelox e sistemi Tutor hanno un nuovo alleato che arriva dal cielo. In Francia è partito un progetto di monitoraggio dei comportamenti degli automobilisti attraverso dei droni che sorvolano le strade.

GIÀ ATTIVO A BORDEAUX
Il primo drone sta già operando sull’autoroute A10, autostrada che collega Bordeaux e Parigi. Il robot volante misura circa 45 centimetri di diametro ed è comandato da remoto da un pilota specializzato. Equipaggiato con una telecamera, si occupa di fornire supporto alle pattuglie di polizia che operano lungo l’autostrada, cogliendo infrazioni e cattivi comportamenti che i colleghi umani da terra hanno più difficoltà a individuare. Esempi di questo tipo sono i sorpassi a destra o il mancato rispetto della distanza di sicurezza.

Leggi anche: Autovelox: come evitare di prendere multe

LE MULTE PIOVONO DAL CIELO
Gli agenti appostati nelle vicinanze possono intervenire con prontezza per fermare le auto segnalate dal drone, sanzionando immediatamente gli automobilisti. Ma l’obiettivo di questa iniziativa non è solo di aumentare le multe: è chiara l’intenzione di elevare la qualità del monitoraggio sul traffico e, soprattutto, di utilizzare il drone come deterrente, così da ridurre il numero di incidenti.

Ultima modifica: 8 agosto 2017