Cruise control: cos’è e come funziona il sistema elettronico

967 0
967 0

Una delle innovazioni che piano piano sta entrando a far parte della dotazione di tutte le auto, specie di quelle più performanti: il cruise control. La tecnologia all’interno delle auto (ma non solo) sta diventando sempre più presente e permette di trovare nuove soluzioni non solo dedicate alla vita a bordo, come i sofisticati e moderni sistemi di intrattenimento, ma sta prendendo campo in quella che è la sicurezza alla guida , specie in senso attivo e per quello che riguarda lo stile di vita vero e proprio. In questo senso lavora il cruise control, scopriamo cos’è.

Cruise control cos’è

 

Quante volte parlando di velocità auto o di mezzi che posseggono il pilota automatico ci è ventuto in mente quanto potesse essere comodo potere far andare l’auto da sola senza che dovessimo intervenire sulle funzioni che regolano la velocità? Direi molte volte.

Il cruise control non fa tutto che un pilota automatico fa di un mezzo come l’aereo, ma permette di mantenere una costante velocità di crociera, senza che sia necessario alcun intervento sul pedale. Una gran bella comodità se si pensa ai lunghi tratti autostradali dove quello che si fa è andare sempre dritto. Il sistema è gestito elettronicamente e se ne possono trovare due tipologie installate sulle auto:

  • Uno tradizionale, definito semplicemente cruise control, che permette una regolazione della velocità massima da mantenere.
  • Il cruise control adptive, che invece è dotato di un sistema di rilevamento degli ostacoli più complesso.

Cruise control come funziona

 

La modalità di funzionamento di questo apparecchio elettronico è pressoché semplice: sul modello tradizionale sarà il guidatore a impostare quella che è la velocità massima che si vuole raggiungere e mantenere come velocità di crociera, il sistema una volta raggiunto tale livello si attesterà su esso e non sarà più necessario accelerare. Non è che l’intervento umano non è richiesto, anzi; la pressione del pedale del freno o dell’acceleratore, ad esempio per effettuare un sorpasso o rallentare in caso di pericoli sulla strada farà disinnescare immediatamente il sistema.

Più completo è il funzionamento del sistema adptive che è dotato di una sorta di telecamera frontale che monitora la strada e adatta velocità e frenatura se vengono riscontrati pericoli sulla strada. Tali segnalazioni vengono mandate anche al guidatore tramite delle spie sonoro / luminose di avvertimento al fine di coniugare l’elettronica con quello che è l’immancabile intervento umano. Per ora tali sistemi rimangono appannaggio di auto di livello superiore, ma non è detto che non diventino comuni su molte tipologie di auto così come è stato per altre soluzioni.

Ultima modifica: 14 dicembre 2017