Cicloturismo, Ancma: piano mobilità ciclistica, Italia libera il potenziale

412 0
412 0

Cicloturismo, il potenziale è alto. “Ci sono grande soddisfazione e riconoscenza per l’esito del lavoro corale portato avanti dalle associazioni, dal ministero e da ANCMA, perché questo documento pone basi solide per fare del nostro Paese una meta primaria per il cicloturismo in Europa e creare opportunità di sviluppo per tutta la filiera collegata all’accoglienza e alla bicicletta”.

È quanto scrive Confindustria ANCMA (Associazione Nazionale Ciclo Motociclo Accessori) in una nota diffusa stamane, commentando il via libera dalla Conferenza unificata al Piano generale della mobilità ciclistica, tra le principali misure del ministero delle Infrastrutture e della Mobilità sostenibili, che prevede un finanziamento, già assegnato, pari a 943 milioni di euro, su un valore complessivo di 1,2 miliardi.

Leggi ora: Emilia Romagna, la terra della ciclovia

Grandi potenziali per il cicloturismo

L’Italia – si legge ancora nella nota – può finalmente liberare tutto il suo potenziale. Al netto del grande lavoro culturale e di regia ancora da intraprendere, questo piano pone uno spartiacque strategico tra il passato e il futuro. E segna quel passaggio da una logica di incentivi all’acquisto a una di incentivi all’utilizzo. Che anche l’industria di riferimento auspicava”.

Leggi ora: sei strade ciclabili da scoprire sulle orme del Giro d’Italia

Ultima modifica: 8 agosto 2022