Burnout Paradise Remastered per PlayStation 4 Pro e Xbox One X | VIDEO

365 0
365 0

Burnout Paradise Remastered sarà  disponibile a partire dal 16 marzo per PlayStation 4 e Xbox One.

I videogiocatori faranno ritorno a Paradise City e saranno chiamati ancora una volta a creare scompiglio e scatenare il caos nel mondo dei motori. Nelle ambientazioni più sfidanti. Ovvero dai viali del frenetico centro città alle selvagge strade di montagna, dovranno completare a tutta velocità le più incredibili acrobazie. E prendere parte a spettacolari scontri tra veicoli in uno dei più grandi giochi di guida arcade mai creati.

Burnout Paradise Remastered per PlayStation 4 Pro e Xbox One X

Burnout Paradise Remastered permetterà di rivivere il gioco originale con l’aggiunta degli otto add-on di Year of Paradise. Inclusa l’estensione della mappa fino a Big Surf Island. Il titolo offre inoltre una serie di grandi miglioramenti a livello grafico. I quali permetteranno ai piloti di esplorare Paradise City in 4K a 60FPS su PlayStation 4 Pro e Xbox One X.

La parole di Matt Webster, General Manager di Criterion Games

«I videogiocatori associano immediatamente Criterion Games a Burnout. E ne hanno buoni motivi: quello che abbiamo creato dieci anni fa continua ancora oggi a essere unico e divertente come allora. Burnout Paradise è un mondo di gioco pensato per far vivere ai piloti il brivido della corsa, in un’esperienza emozionante e coinvolgente. Che unisce la velocità e il caos tipici di Criterion con incredibili scontri ed evoluzioni. Con questa riedizione possiamo finalmente portare questo brivido d’azione, migliorato grazie alle migliori tecnologie di guida online, anche alle nuove generazioni di videogiocatori».

Burnout Paradise Remastered ha una classificazione PEGI 7. Sarà disponibile online e in negozio per PlayStation 4 e Xbox One. Nei mesi successivi arriverà anche per PC, con l’espansione Big Surf Island. I membri di EA Access potranno giocare anche prima del lancio ufficiale. Questo con la versione di prova Gioca Per Primo

Ultima modifica: 13 marzo 2018

In questo articolo