BMW R nineT/5, edizione speciale per i 50 anni a Berlino

174 0
174 0

Ecco una nuova proposta per gli appassionati di moto BMW. La casa tedesca ha infatti presentato un’edizione speciale della sua R nineT in serie limitata. Si chiama BMW R nineT/5 e celebra i cinquant’anni dell’iconica serie /5.

Leggi anche: BMW Motorrad, ottavo anno di fila con vendite da record

Il richiamo è al 1969, anno di nascita della celebre famiglia di boxer (da 500 e 750 cc), la cui produzione venne all’epoca spostata nello stabilimento BMW di Berlino-Spandau. In quel periodo, infatti, l’impianto di Monaco non era più in grado di soddisfare la domanda di automobili, in crescita negli anni Sessanta. Dunque per questo BMW decise di delocalizzare la produzione di motociclette proprio a Berlino.

Le BMW serie /5 di quegli anni (R50/5, R60/5 e R75/5) si imposero sul mercato grazie al loro inedito motore boxer e a un telaio completamente rinnovato. Modelli iconici che ancora, soprattutto per quanto riguarda la più potente R75/5, sono ricercati dai collezionisti in tutto il mondo.

Leggi anche: Bmw R nineT Scrambler “Masters”, la concept bike per i golfisti

L’edizione speciale BMW R nineT/5, sesto membro della famiglia heritage della casa tedesca, ha la caratteristica livrea blu, con inserti bianchi realizzati a mano e paraginocchia in gomma. Alcuni elementi, come ad esempio le ruote a raggi, gli specchietti e lo scarico, richiamano il design di 50 anni fa. Anche la sella riprende lo stile serie /5, con groffatura incrociata e cinturini a strappo.

Il serbatoio, su cui spicca il logo dell’anniversario, è stato verniciato con una speciale colorazione metallizzata Lupin Blue.

Il motore è un boxer da 1.170 cc e 110 cavalli di potenza. Le ruote sono da 3,5×17 pollici all’anteriore e 5,5×17 al posteriore. Sono presenti manopole riscaldabili, ASC (Automatic Stability Control) e forcella, mozzi ruota e raggi in Aluminium Silver.

Non si conosce ancora il numero di modelli previsti per la speciale BMW R nineT/5 e nemmeno il costo.

Ultima modifica: 8 luglio 2019

In questo articolo