Bmw e l’elettrificazione della sede italiana di San Donato Milanese

190 0
190 0

Il gruppo Bmw ha un occhio di riguardo per l’elettrificazione. A tutti i livelli, non solo per quanto riguarda i modelli in vendita. Anche le sedi di lavoro. Come quella della filiale italiana a San Donato Milanese, un palazzo dotato di un sistema fotovoltaico composto da 750 pannelli solari.

L’energia prodotta dall’impianto va tutta in autoconsumo e rappresenta il 6,5 % del fabbisogno del palazzo Bmw Italia. Circa il 25% dei posti auto in uso ai collaboratori del gruppo sono stati dotati di sistema di ricarica per auto elettrificate. Trentadue Wallbox da 3,7 kW che permettono la ricarica di una Bmw i3 nelle 8 ore lavorative. Inoltre diciassette Wallbox da 11 kW che fanno lo stesso servizio in meno di una mattinata.

In caso di necessità è disponibile anche una stazione FAST Charging da 50 kW che permette di ricaricare una BMW i3 in meno di un’ora. Lo scorso anno è stata data la possibilità al management e al personale viaggiante di disporre di un’auto di servizio elettrificata (BEV o PHEV). Considerando una media chilometrica delle auto diesel del parco di 17.000 km e un’elettrificazione del 70% del parco aziendale si ottiene un risparmio di 450 tonnellate di CO2 all’anno.

L’utilizzo delle auto da parte dei dipendenti ha consentito di avere alcune i3 REX con diversi chilometri per una prima analisi delle modalità di uso. L’utilizzatore di una i3 REX con un commuting urbano di circa 40 km è quello che sfrutta la maggiore efficienza della vettura. La ricarica della batteria da parte sua avviene mediamente ogni 4 giorni. Il range extender risulta non essere quasi mai entrato in funzione.

Anche nel caso di utilizzatore con un commuting casa-lavoro di circa 120-140 km in condizioni autostradali, la percorrenza è completamente garantita da una sola ricarica giornaliera. L’utilizzo del range extender si rende necessario unicamente nei fine settimana senza possibilità di ricarica. La modalità di guida puramente elettrica copre comunque l’80% dell’utilizzo.

Ultima modifica: 13 luglio 2018