Impennata di bike e car sharing, sono aumentati del 50%

1601 0
1601 0

Nel triennio 2015-2017 in Italia i servizi di mobilità condivisa come il bike e il car sharing sono aumentati del 50%. E’ quanto emerge dal Rapporto Nazionale sulla Sharing Mobility. Che è stato presentato in occasione della II Conferenza Nazionale organizzata dall’Osservatorio Nazionale della Sharing Mobility.

L’analisi

E se Milano in Italia è il fiore all’occhiello “Il nostro paese è senza dubbio un capofila in Europa”. Parole di Andrea Leverano, Amministratore Delegato di DriveNow Italy, società di car sharing del Gruppo Bmw presente a nella città meneghina con 500 veicoli. “Milano in particolare, ma anche altri centri urbani si stanno infrastrutturando in maniera qualitativamente eccellente. Per offrire servizio di mobilità condivisa a cittadini. E, considerando la vocazione del nostro paese, ai turisti”.

Car sharing - Andrea Leverano DriveNow Italy

Il dato di crescita, che va verso un costante e significativo ulteriore incremento va osservato anche in un’ottica di cambio di mentalità delle nuove generazioni. Laddove i servizi di car sharing sono adeguatamente sviluppatiad esempio Milano, cade la necessità di una doppia o tripla auto per famiglia. Dacché i giovani per primi non sentono la necessità di un’auto propria per gli spostamenti”.

La conclusione

Il car sharing e bike sharing non sono antagonisti coi mezzi di trasporto pubblico. Anzi. Un nostro studio ha dimostrato che una presenza percentuale del 10% del car sharing induce una riduzione del 25% dell’auto privata. E contestualmente un incremento del 10% circa della fruizione del servizio di trasporto pubblico”.

 

Ultima modifica: 28 marzo 2018