Bici elettriche Onyx: design retrò e prestazioni da moto leggere

909 0
909 0

L’azienda californiana Onyx Motorbikes è pronta a mettere sul mercato due nuove biciclette elettriche. Sono due modelli che si distinguono in particolare per il ricercatissimo design retrò, in grado di stuzzicare le voglie degli amanti dello stile anni Ottanta. Ma hanno anche potenza e prestazioni molto interessanti, che le avvicinano più al mondo delle motociclette che a quello delle due ruote a pedali classiche.
I modelli si chiamano CTY e RCR, entrambi già pre ordinabili su Indiegogo, dove è in corso la campagna di crouwdfunding per raccogliere fondi destinati alla messa in produzione dei due mezzi (l’obiettivo è di 250 mila dollari, già ampiamente superato). Le prime consegne sono previste per settembre 2018.

ONYX CTY

Fra i due, il CTY è quello con la potenza minore, che è comunque notevole: 2,5 kW di potenza (circa 3,3 cavalli) e 160 Nm di coppia, con una velocità massima di 48 km/h. Ha un’autonomia stimata intorno ai 40-65 chilometri con una ricarica. La batteria è da 48 V e 16 Ah, con una portata di circa 768 Wh. Ma c’è anche la possibilità di avere una seconda opzione per la batteria, con portata raddoppiata.

Onyx CTY
Onyx CTY (Foto: Onyx)

Fra i comfort tecnologici sono da segnalare la possibilità di ricaricare via USB 3.0 e USB C, il display LCD retroilluminato, la chiave intelligente che funziona con NFC e connessione Bluetooth. C’è anche una app dedicata per iOS e Android che permette di regolare le impostazioni del mezzo.
Il listino della CTY parte da 1.652 dollari, escluse le spese di spedizione.

ONYX RCR

Il top di gamma è l’RCR, che presenta caratteristiche tecniche ancora più “esagerate” per la categoria di veicolo. Ha infatti un motore elettrico da 5,4 kW (circa 7 cavalli), con una coppia di 182 Nm. La velocità massima è di ben 96 km/h: è ovvio che qui siamo di fronte decisamente più a un ciclomotore che a una bici elettrica.

Onyx RCR
Onyx RCR (Foto: Onyx)

L’autonomia stimata è di 121 chilometri, che sono però da percorre a un massimo di 32 km/h: non abbiamo dati riguardo a un uso più frizzante. L’RCR ha la stessa dotazione tecnologica della CTY. Il prezzo sale a 2.299 dollari (più trasporto).

SONO LEGALI?

Vista la potenza di questi mezzi ci si chiede quale sia il potenziale mercato. Per quanto riguarda l’Europa, le stringenti norme comunitarie non lasciano molto spazio a una libera commercializzazione. Sarebbero necessarie omologazioni molto precise (che dovrebbe fornire il produttore) per poter farle circolare in strada. Va da sé che per noi rientrerebbero nella categoria ciclomotori, per i quali servono targa, casco ed eventuale patentino. Ciò non toglie che si potrebbero comunque acquistare per un uso privato, in pista o off-road.

Ultima modifica: 12 giugno 2018

In questo articolo