Bentley si aggiudica il Net Zero Plastic to Nature di South Pole, per la buona gestione dei rifiuti

320 0
320 0

Bentley ha ricevuto l’accreditamento Net Zero Plastic to Nature della società svizzera South Pole. Si tratta di un riconoscimento, valido a livello internazionale, che si guadagna grazie alla buona gestione dei rifiuti. Tale certificazione riflette le iniziative ambientali attualmente in corso all’interno dell’azienda inglese, che fanno parte del più ampio progetto Bentley chiamato Beyond100, che ha come obiettivo il raggiungimento della neutralità carbonica entro il 2030.

Bentley si aggiudica il Net Zero Plastic to Nature di South Pole 3
Bentley si aggiudica il Net Zero Plastic to Nature di South Pole (Foto: Bentley)

Il Net Zero Plastic to Nature arriva dopo un’approfondita analisi fatta da alcuni esperti indipendenti per conto dell’organizzazione svizzera South Pole. Gli esaminatori hanno controllato tutti i processi Bentley, valutando in modo approfondito attività e gestioni riguardanti l’uso della plastica negli imballaggi, nei corpi dei veicoli, nei servizi post-vendita e così via. L’attenzione è stata posta in particolare sui processi di smaltimento, sia negli impianti di produzione che nelle concessionarie Bentley. Tra le analisi intraprese, da segnalare anche le valutazioni sulle emissioni di microplastiche causate dall’usura degli pneumatici.

Le analisi di South Pole hanno rilevato che la maggior parte dei rifiuti di plastica viene già riciclata in modo appropriato in Bentley. Gli esaminatori hanno comunque redatto alcune raccomandazioni per migliorare ulteriormente i processi di smaltimento e riciclo.

Peter Bosch, membro del Board Manufacturing di Bentley, ha così commentato:

“La nostra spinta verso un futuro senza plastica è una parte essenziale della strategia Beyond100, e questa collaborazione pionieristica con South Pole ci ha aiutato a valutare l’impatto delle misure cha abbiamo già intrapreso per ridurre e riciclare la plastica prodotta nel nostro sito, esaminando ogni aspetto della nostra catena del valore della logistica. Dal pluriball e dalla schiuma utilizzati per imballare le parti in entrata, alle coperture della carrozzeria e ai processi di avvolgimento termoretraibile impiegati per la protezione dei veicoli e i materiali post-vendita, nessuna cosa è stata tralasciata e siamo stati in grado di apportare modifiche rapide ed efficaci.”

Bosch ha anche fornito qualche esempio concreto, spiegando che in Bentley sono riusciti a ridurre la quantità di plastica dalle protezioni dei prodotti in uscita dalla fabbrica, passando da 13 a soli 6 elementi. Con questa mossa hanno potuto rimuovere circa 12 tonnellate di plastica all’anno dalle varie operazioni di imballaggio per i veicoli pronti per il mercato.

Anche la riduzione degli imballaggi per le componenti in entrata (materiali, parti del veicolo e accessori) è stata molto utile, eliminando circa l’86% dei rifiuti di plastica.

Ultima modifica: 20 luglio 2022

In questo articolo