Bajaboard Pantera: lo skateboard elettrico da 72 km/h

638 0
638 0

Bajaboard è una società australiana che si occupa di costruire skateboard elettrici dedicati all’off-road. Una delle sue più recenti creature si chiama Pantera ed è in grado di raggiungere la velocità di ben 72 km/h.

Gli skateboard elettrici sono una buona opzione per quanto riguarda gli spostamenti urbani. Assieme alle e-bike, rispetto alle quali sono ancora più pratici e leggeri, permettono di muoversi agevolmente nei tragitti casa-lavoro, anche integrando gli spostamenti con i mezzi pubblici. Di certo, però, non è per forza necessaria una grande velocità: la loro natura permette di spostarsi già con notevole agilità e risparmio di tempo, in mezzo al traffico cittadino, rispetto alle automobili. Ciò non toglie il fatto che le prestazioni promesse dal Bajaboard Pantera appaiono molto accattivanti, soprattutto per gli amanti del divertimento su skateboard.

Leggi anche: Mercato biciclette in Italia. Crescono le e-bike, ma serve sicurezza

Il Pantera monta quattro motori da 3,5 kW, con un pacco batterie 10S da 1,1 kWh. Il risultato è una potenza di circa 8 kW, equivalenti a ben 10,7 cavalli: un carico notevole per un accessorio del genere. Non a caso, come abbiamo già accennato, può arrivare addirittura a una velocità di punta di 72 km/h: un dato folle che non permette di commercializzare ovunque questo mezzo (serve la targa? È necessario un patentino? Il casco?). L’autonomia promessa è di 45 chilometri con una carica.

Leggi anche: Michelin gomma le super scarpe da skateboard etnies Marana | VIDEO

Si tratta evidentemente di un modo per mostrare cosa è capace di creare Bajaboards. Lo confermano le parole di George Li, uno dei responsabili dell’azienda australiana: “Abbiamo pensato ‘se mettiamo da parte tutte le considerazioni sui costi, quanta energia possiamo inserire in una piccola scatola?’. È dunque più una dimostrazione tecnica che altro, ma abbiamo anche pensato di trasformarlo in qualcosa di disponibile per un consumatore di nicchia, ovviamente per l’uso privato e non per le strade pubbliche”.

Ultima modifica: 26 febbraio 2019

In questo articolo