Auto usate, le coupé bestseller a meno di 10.000 euro

621 0
621 0

La parola “coupé” indica un’auto di tipo sportivo, a due porte, meno funzionale rispetto alla berlina da cui solitamente ha origine (dal verbo “couper”, cioè “tagliare”).

Nella maggior parte dei casi, una coupé dà poi vita ad una cabriolet, ad una spider o ad una targa. Non a caso, sono di più recente introduzione alcune formule “miste”: le coupé-cabriolet, le berline-coupé e, addirittura, i suv-coupé.

Autouncle.it ha stilato una classifica delle 10 coupé usate più vendute negli ultimi due mesi, acquistabili con meno di 10mila euro.

Primo posto per la Smart ForTwo Coupéche stacca notevolmente le altre classificate per numero di esemplari venduti. I vantaggi della piccola biposto sono noti. Oltre all’indubbia praticità per gli spazi urbani, la Smart continua a piacere anche per i consumi: la piccola ForTwo Coupé vince anche qui, con i suoi 3,3 litri per 100 km.

Al secondo posto c’è l’Alfa Romeo GT. Prodotta dal 2003 al 2013 come erede delle storiche GT tre volumi del Biscione, è nota per la sua eccezionale accelerazione e manovrabilità (questo ha fatto sì che sia stata adottata dalla polizia australiana!).

Alfa Romeo GT Q2 - 2006
Alfa Romeo GT Q2 – 2006

Chiude il podio la BMW 320. Richiamo alla gloriosa due porte prodotta nel 1937,  e introdotta nel 1975, la Serie 3 ha visto, in quarant’anni di carriera, un continuo sviluppo. La coupé (uscita di scena nel 2013) fu sostituita dalla Serie 4, ma è molto ricercata nell’usato: vista la sua grande resistenza, è facile trovare anche modelli con 300 o 400mila km.

Quarto posto per l’Audi TT, nella seconda versione che presentò alcune novità come l’anteriore in alluminio e il posteriore in acciaio, in modo da avere un miglior bilanciamento dei pesi.

Al quinto posto c’è la “sorella” Audi A5 Coupé. Nata per fare concorrenza alla già citata BMW Serie 3 Coupé, alla Mercedes-Benz Classe CLK e all’Alfa Romeo Brera. Continua ad avere successo anche al cinema (da 007 ad Iron Man). Disegnata da Walter de Silva (che dice si tratti dell’auto più bella da lui progettata), ha visto un importante facelift nel 2011. Con un inedito frontale e nuove luci posteriori.

La Mini Cooper Coupé (sesto posto) è la famosa rappresentante della linea sportiva due posti. Nata con l’intento di introdurre il marchio Mini in un nuovo segmento auto: con linee più aggressive rispetto alle sorelle. Ebbe modifiche sostanziali come il vetro anteriore più inclinato, il tetto abbassato e il padiglione posteriore spiovente.

Alfa Romeo Brera (2009)
Alfa Romeo Brera (2009)

Al settimo posto un altro esemplare del Biscione che ebbe “breve vita”: l’Alfa Romeo Brera prese il posto della GTV e nacque da un prototipo di Giugiaro. Prodotta dal 2005 al 2010, inaugurò quel “family feeling” assieme alle 159.

All’ottavo posto c’è la Volkswagen Scirocco. Presentata al pubblico per la prima volta nel 1974, si basava sull’idea della Golf 1 e venne realizzata anche sulla stessa piattaforma. Diversamente dalla Volkswagen Golf, l’auto Scirocco è tuttavia una coupé sportiva. Nel 1992 la produzione venne interrotta. Per poi essere ripresa nella seconda metà del 2008, con l’uscita della terza versione.

Parentesi francese al nono posto con la Citroën DS3 coupé.

Fiat Coupé
Fiat Coupé

La Fiat di Bangle

Chiude la classifica la Fiat Coupé. La sportiva italiana (nota anche come Progetto 175) disegnata da Chris Bangle è stata prodotta dal 1994 al 2000. Venne realizzata in oltre 70mila esemplari in 6 anni, ottenendo successo fin dalla sua uscita. Nel primo periodo di commercializzazione, fino al novembre 1994, le vendite risultavano sopra la media con circa 17mila ordini complessivi. Ancora oggi continua a mietere consensi nell’usato.

Auto usate, le coupé bestseller a meno di 10.000 euro

Ultima modifica: 24 giugno 2019