Auto ‘Frankenstein’: i mush-up fra case automobilistiche

374 0
374 0

Le collaborazioni fra case automobilistiche sono all’ordine del giorno nel mondo dei motori. Ma si tratta sempre di aiuti reciproci in termini finanziari, tecnologici o di strategie di mercato. La compagnia di assicurazioni Budget Direct, invece, ha provato a immaginare una realtà in cui i marchi realizzano dei veri e propri mush-up fra i loro prodotti a quattro ruote. Ne è nata una serie di immagini che ritraggono appunto esemplari alla ‘Frankenstein’, modelli che uniscono le caratteristiche peculiari di stili iconici provenienti da diversi brand dell’automobilismo.

Leggi anche: La Mercedes Classe X a sei ruote: il concept di Carlex Design

Qualcosa del genere lo avevamo visto con il pick-up Jaguar, mix fra una Jaguar F-Type e un Ford F-150, frutto di un appassionato di motori e abile hobbista. O anche con il blog di design ungherese X-Tomi Design e la sua Ford Mustang Raptor, affascinante ibrido fra la celebre muscle car e ancora il pick-up F-150.

I concept di Budget Direct sono sei, ma con questa idea se ne potrebbero creare decine e decine. Si parte da due mush-up che sono a nostro parere i più equilibrati e meno bizzarri: la Bentley-Ferrari e la BMW-Lamborghini. La prima è un mix fra la Bentley Continental GT e la Ferrari 812 Superfast, mentre il secondo unisce la bella BMW i8 con le linee della Lamborghini Aventador.

Leggi anche: La seconda vita di un van Mercedes del ’68: ora è un bed & breakfast

La terza immagine riguarda una Dodge-Chevrolet, con l’unione fra una Dodge Viper e una Corvette, il cui risultato non appare per nulla strano, anzi, è molto naturale. Ci sono poi una Volkswagen-Ford (Ford Focus e Volkswagen Beetle) e una Nissan-Porsche (Nissan 350Z e Porsche 911), entrambe inusuali, ma con un’armonia di forme che può convincere. Infine, la più strana delle sei auto “Frankenstein”: la Smart-Range Rover, che mette assieme le dimensioni della citycar con il muso e le rotondità della Range Rover Velar. Il risultato è quantomeno improponibile.

Ultima modifica: 19 novembre 2018

In questo articolo