L’auto che si deprezza meno? Quella di color giallo

1427 0
1427 0

Giallo. E’ questa la tonalità giusta per le auto che si deprezzano meno. Si tratta del risultato di uno studio promosso dal sito di ricerca iSeeCars che ha preso in esame 2,1 milioni di auto usate vendute. Le vetture di colore giallo si deprezzano del 27% dopo tre anni. Il dato più basso di tutti. Nello stesso periodo di tempo, il deprezzamento medio di una vettura è del 33,1%.

Sono le macchine dai colori più sgargianti e appariscenti a subire la minore svalutazione. Alle spalle della livrea gialla c’è infatti quella arancione. La perdita di valore di queste vetture è infatti del 30,6%, appena meno del 30,9% delle carrozzerie verdi. Sono dati che vanno in un certo senso in controtendenza con le credenze comuni. Un’auto dal colore più comune si può pensare sia più facile da vendere. E quindi subire una minore svalutazione. Questo studio evidenzia invece il contrario.

Le auto gialle sono meno comuni, la richiesta può essere maggiore e quindi il prezzo resta più alto“, ha detto Phong Ly, a.d. di iSeeCars. “La nostra ricerca mostra che le auto gialle hanno il minor indice di svalutazione per la auto di bassi volumi come le cabrio. Curiosamente lo è però anche fra i Suv e i pickup“. I Suv e i pickup si deprezzano rispettivamente del 30,9 e 20,9% in media. I Suv gialli invece perdono solo il 25,8% del loro valore dopo tre anni, i pickup gialli il 10,8%

Dall’altra parte dell’arcobaleno, come colore che si deprezza più velocemente c’è l’oro con il 37,1%. Precede il viola che perde il 36,7% del suo valore iniziale dopo tre anni e il beige, terzultimo al 36,6%.

Ultima modifica: 25 ottobre 2017