Anas e il sistema Sentinel: sensori all’avanguardia per il monitoraggio delle autostrade

235 0
235 0

Ponti, viadotti e autostrade necessitano di un costante monitoraggio e Anas sta lavorando a una soluzione innovativa chiamata Sentinel (Sistema di pEsatura diNamica inTellIgente per la gestioNE deL traffico pesante). L’obiettivo è quello di avere dei dati certi e aggiornati sulla quantità e sulla qualità dei mezzi pesanti che ogni giorno circolano sulle strade italiane, per valutare i carichi a cui sono sottoposte e programmare così per tempo la necessaria manutenzione, scongiurando disservizi e situazioni di pericolo.

UN SENTINEL PER MONITORARE I CARICHI DEI MEZZI PESANTI

Il lavoro di Sentinel consiste nel pesare i mezzi pesanti “in movimento”. In questo momento è in fase di sperimentazione in laboratorio (il progetto è partito alla fine del 2018) ed è stato realizzato in collaborazione con il Gruppo FS, l’Enea (l’Agenzia Italiana per le nuove tecnologie, l’energia e lo sviluppo sostenibile), il Consorzio Train (che comprende tra gli altri anche l’Università di Salerno e aziende come Hitachi, Hitachi Rail e Rina) e la società Takius, specializzata in sistemi elettronici. Il programma Sentinel prevede l’installazione di dispositivi e sensori per la pesatura dinamica dei mezzi industriali in prossimità di viadotti, ponti e tratti autostradali a rischio per fattori climatici, ambientali e di traffico intenso. Il sistema, nuovissimo nel suo genere, non richiede l’arresto o il rallentamento del veicolo da pesare e può effettuare la misurazione lungo tutta la larghezza della carreggiata.

PREVENZIONE DEI RISCHI E MANUTENZIONE DELLE STRADE

La creazione del progetto Sentinel nasce per porre rimedio a un problema che da troppo tempo grava sulle infrastrutture della rete autostradale italiana. Ponti, viadotti e strade, infatti, sono stati costruiti in un’epoca in cui il traffico dei mezzi industriali e il loro carico era nettamente inferiore a quello odierno, motivo per cui le infrastrutture non sono state progettate per “reggere il peso” di tutti i camion circolano oggi. Un carico che, naturalmente, influisce in maniera negativa sulla sicurezza delle infrastrutture e sulla loro stabilità.

LA SPERIMENTAZIONE PARTE SULLA SALERNO-REGGIO CALABRIA

I primi sensori verranno installati sulla A2, la Salerno-Reggio Calabria, dopo una fase di sviluppo in laboratorio che sta terminando con successo. Si è scelto questo tratto autostradale perché fornisce una panoramica completa di tutte le possibili criticità, con molti ponti e viadotti e tratti stradali pianeggianti che aiutano la sperimentazione. Dopo l’ulteriore periodo di prova, il Sentinel dovrebbe essere installato su tutta la rete autostradale, diventando anche un mezzo per multare i mezzi pesanti caricati in maniera irregolare e garantire una maggiore sicurezza a tutti i viaggiatori.

Ultima modifica: 1 luglio 2019