Alpina entra a far parte del Gruppo BMW

530 0
530 0

Alpina, lo storico preparatore specializzato in serie speciali BMW, entrerà a far parte del Gruppo BMW a partire dal 2026.

L’azienda della famiglia Bovensiepen continuerà a sviluppare, produrre e distribuire modelli d’alta gamma BMW Alpina, senza fermare il lungo rapporto di collaborazione che va avanti dal 1965.

Leggi anche: BMW Alpina B8 Gran Coupé: la nuova ammiraglia del tuner tedesco

“Nei prossimi anni presenteremo automobili nuove, eccitanti, dinamiche ed efficienti”, dice Andreas Bovensiepen, CEO di Alpina, “I nostri ordini sono pieni come sempre e molti nuovi prodotti e aggiornamenti sui prodotti sono imminenti”.

Questa riorganizzazione strategica così importante è data dalla necessità di reagire alle dinamiche di inasprimento delle normative europee, in particolare sulle emissioni e sui sistemi di assistenza alla guida: fattori che fanno aumentare i rischi per i marchi più piccoli, soprattutto per quelli, come Alpina, specializzati in modelli ad alte prestazioni.

Il lungo accordo di collaborazione fra Alpina e BMW, rinnovato l’ultima volta per altri cinque anni alla fine del 2020, scadrà il 31 dicembre del 2025. A partire dunque dal 2026, Alpina entrerà a far parte del Gruppo BMW e inizierà una nuova era fatta di inedite proposte a quattro ruote d’alta gamma, senza tralasciare la fortunata serie di proposte ad alte prestazioni basate sul catalogo tradizionale BMW.

“Con il passaggio del marchio Alpina, l’azienda della famiglia Bovensiepen apre la strada al futuro”, dice il CEO Florian Bovensiepen, “Continueremo il lavoro e l’eredità di nostro padre. Grazie alla nostra esperienza e al nostro know-how continueremo a portare sul mercato offerte di mobilità diverse ma straordinarie”.

L’azienda rassicura i suoi lavoratori: nei prossimi anni, lo sviluppo, la produzione e la distribuzione delle automobili BMW Alpina continueranno invariati.

Per ora il perfezionamento dell’operazione di trasferimento è ancora in fase di approvazione da parte delle autorità antitrust.

Ultima modifica: 14 marzo 2022