ACI e Giro d’Italia insieme per la sicurezza stradale

901 0
901 0

Reciproca attenzione e considerazione tra automobili e biciclette. Con il Giro d’Italia di Ciclismo 2020, riparte #rispettiamoci, la campagna per la sicurezza stradale – già protagonista del Giro dello scorso anno – per sensibilizzare ciclisti e automobilisti al rispetto reciproco e a comportamenti e manovre corrette alla guida.

Questa particolare edizione della corsa in rosa – conseguenza della pandemia di Covid-19 – ha indotto Automobile Club d’Italia e Giro d’Italia a realizzare un’iniziativa tutta digitale, che, grazie alla disponibilità del portale del Giro, sarà in grado di raggiungere milioni di appassionati.

ACI e Giro d'Italia insieme per la sicurezza stradale

Per l’occasione, ACI ha prodotto 12 pillole video da 60” – realizzate presso il Centro di Guida Sicura ACI-SARA di Vallelunga – con i preziosi consigli degli istruttori del Centro.

Sei pillole sono tutorial dedicati alle corrette manovre da effettuare nelle situazioni di maggior pericolo che si possono creare tra bici e auto. Nelle altre sei pillole, invece, l’olimpionico Massimiliano Rosolino e la giornalista Metis Di Meo sottolineano la cultura del rispetto sulla strada e raccontano il giusto spirito che deve animare automobilisti e ciclisti nel condividere la strada, per contribuire ad aumentare i livelli di sicurezza di tutti.

Attraverso un semplice click nell’area dedicata su giroditalia.it/si potrà accedere ai video della campagna #rispettiamoci, mentre sui profili social di ACI si potranno porre domande, inviare commenti e riflessioni sul tema della sicurezza sulle nostre strade.

Angelo Sticchi Damiani - Presidente ACI
Angelo Sticchi Damiani – Presidente ACI

Dobbiamo ringraziare RCS e l’organizzazione del Giro d’Italia per la grande sensibilità alla sicurezza stradale – dichiara Angelo Sticchi Damiani, Presidente dell’Automobile Club d’Italiache ha permesso di proseguire la nostra partnership. Il positivo e costante incremento nell’uso quotidiano della bicicletta – prosegue Sticchi Damiani – rende sempre più importante ricordare a ognuno di noi che alla guida occorrono rispetto degli altri, responsabilità e costante attenzione, in particolare verso ciclisti, pedoni e disabili che sono gli utenti più vulnerabili”.

Il Giro d’Italia è onorato di poter ospitare ACI con le sue iniziative per la sicurezza – dichiara Paolo Bellino, Amministratore Delegato e Direttore Generale di Rcs Sport –. Il Giro è una straordinaria competizione ma è anche un favoloso evento per milioni di italiani che seguono con passione il ciclismo. Arricchire questo evento della cultura del rispetto sulla strada per ridurre l’incidentalità – continua Bellino – è da tutti noi sentito come un dovere verso i tantissimi che ogni giorno salgono sulla loro bici ed una opportunità per far crescere l’interesse e la passione per i pedali”.

La campagna #rispettiamoci accompagnerà l’intero percorso del Giro e proseguirà al suo termine, attraverso la presenza web di ACI, nell’attesa del Giro 2021.

Le parole di Ludovico Fois, Responsabile Comunicazione di ACI

Costantemente ACI si impegna per una sempre maggiore sicurezza sulle strade e la riduzione degli incidenti e delle loro conseguenze. Rispetto delle regole e rispetto degli altri sono gli obiettivi che, attraverso la comunicazione, intendiamo ricordare a tutti gli utenti della strada, a iniziare dagli automobilisti. Lo abbiamo fatto invertendo i ruoli della Di Meo (giornalista esperta di auto) e di Rosolino (nuotatore e oggi ciclista, come atleta del triathlon) a indicare come nel corso della giornata utilizziamo le strade in auto, in bici, a piedi e sempre dobbiamo capire e rispettare l’altro”.

Leggi anche: Test sugli ADAS, ACI e CSI presentano le nuove valutazioni Euro

Ultima modifica: 7 ottobre 2020

In questo articolo