50 milioni di Corolla vendute: Toyota festeggia con una serie manga

1256 0
1256 0

Toyota Corolla tiene stretto lo scettro di regina delle vendite. L’iconica giapponese, giunta a 55 anni di onorata carriera, ha superato nel 2021 la soglia record di ben 50 milioni di unità vendute, mantenendo così il primato di auto più venduta della storia. Per celebrare un così importante traguardo, Toyota ha deciso di proporre uno speciale manga con il quale ripercorrere brevemente e con un tocco di romanticismo la storia della Corolla.

Toyota Corolla - Un manga celebra i 50 milioni di esemplari venduti 4
Toyota Corolla – Un manga celebra i 50 milioni di esemplari venduti (Foto: Toyota)

Il fumetto manga è solo in giapponese e si può consultare gratuitamente online. Scorrendo le sue pagine si possono trovare alcuni momenti chiave nella storia della Corolla.

La prima scena è ambientata negli anni Sessanta (la Corolla è nata nel 1966): vediamo un padre di famiglia tornare a casa con il modello di prima generazione, la Corolla E10, e con la stessa auto porta poi i suoi cari a fare un giro.

Si passa quindi agli anni Settanta, dove nel fumetto osserviamo un padre e un figlio impegnati in una discussione a bordo di una Toyota Corolla E20.

Le strisce dedicate agli anni Ottanta, con una coppia di giovani fidanzati a far da protagonista, ci portano a ricordare la Corolla AE86, modello sportivo a trazione posteriore, una delle versioni più amate dagli appassionati.

Ci sono poi gli anni Novanta, con una famiglia che va a prendersi un gelato su una Corolla E100.

Gli anni Duemila e DuemilaDieci sono stati saltati a piè pari: non sappiamo il perché.

Si conclude direttamente con agli anni DuemilaVenti, con una breve storiella che si concentra sui più recenti sistemi tecnologici di infotainment a bordo della Corolla dei nostri giorni.

I testi delle storie sono solo in giapponese, ma i disegni si fanno intendere molto bene. Ogni storia è stata ispirata da alcune foto reali inviate a Toyota da ex e attuali proprietari di Corolla: immagini anch’esse visibili al termine di ogni micro racconto.

Ultima modifica: 3 gennaio 2022

In questo articolo