Alcantara, interni speciali per la velocissima Jaguar XE SV Project 8

1848 0
1848 0

Alcantara, interni speciali per la velocissima Jaguar XE SV Project 8Alcantara entra ancora una volta all’interno di una Jaguar, confermando non solo il feeling con il marchio britannico ma anche la propria versatilità. Se il materiale carbon neutral è perfetto per la I-Pace – la concept da cui deriverà la prima auto elettrica del Giaguaro – lo è allo stesso modo anche per l’inedita XE SV Project 8, un progetto speciale in edizione limitata di soli 300 esemplari che porta all’estremo il modo di intendere la sportività secondo Jaguar.

Della berlina di serie non è rimasto molto, perché la Project 8 è una supercar sotto mentite spoglie e in quanto tale farà il suo debutto al Goodwood Festival of Speed. Il ringhio bellicoso del suo 5.0 V8 da 600 CV si propaga lungo tutta la carrozzeria in carbonio e alluminio, mentre il tipico fischio del compressore volumetrico che genera 700 Nm di coppia attraversa i pannelli delle porte rivestiti in Alcantara. La leggerezza dell’alluminio si sposa perfettamente con la leggerezza di Alcantara per questa belva high performance.

Le vibrazioni dal puro spirito racing passano anche attraverso il rivestimento in Alcantara del volante, restituendo le sensazioni tipiche delle auto da corsa, ma assicurando anche l’ottimo grip sportivo che è proprio del materiale made in Italy. Alcantara rifinisce anche il cruscotto di questa splendida e minacciosa Jaguar, esaltando le sue proprietà antiriflesso per non distrarre il pilota nemmeno un secondo.

Due opzioni

La XE SV Project 8, nonostante le prestazioni estreme – 320 km/h di velocità massima e 3,7 secondi per lo scatto da 0 a 100 km/h – non rinuncia al suo aplomb britannico, con un allestimento generale molto elegante e curato, in cui Alcantara spicca nei sedili, per i quali Jaguar ha deciso di rendere disponibili due opzioni. Si possono avere i classici quattro posti, oppure optare per le sole sedute anteriori abbinate a una semi-gabbia roll bar posteriore.

In entrambi i casi Alcantara è scelta per rivestire la parte centrale dei sedili, dove riesce ad assicurare il massimo grip sportivo sia in curva sia in frenata, sostenendo e contenendo il pilota nel modo più opportuno. Anche nella soluzione più estrema, Alcantara si abbina perfettamente al sedile di pura estrazione racing con cinture a quattro punti; in questo caso il disegno è più tecnico e non sono previste impunture, perché l’obiettivo è la massima prestazione.

Ultima modifica: 3 luglio 2017

In questo articolo