Viaggi lunghi: meglio farli in treno, aereo o macchina?

220 0
220 0

Con che mezzo è meglio affrontare i viaggi lunghi? La risposta alla domanda in linea di massima è, e non potrebbe essere altrimenti, “dipende”. E i fattori dai quali “dipende” la risposta sono molteplici. Si tratta di un viaggio di lavoro, d’affari o di piacere? Se è un viaggio di piacere, ci sono anche i bambini? Volete portarvi dietro anche il cane? E poi: soffrite di mal d’auto? Vi piace guidare oppure lo detestate?
Come si vede, la risposta a ciascuna di queste domande influenza la scelta di come viaggiare.

Viaggi lunghi in treno

Il treno sarà indicato per esempio per chi non ama guidare e se proprio deve fare dei viaggi lunghi vuole godersi l’esperienza in tutta tranquillità, senza lo stress delle code al casello, del bambino che piange, dell’autovelox in agguato. Certo, il treno va dove vuole lui, non c’è la libertà di poter fare deviazioni all’ultimo minuto, ma come ogni adulto ragionevole sa, ogni scelta comporta delle rinunce.

È chiaro che entrano in gioco anche le possibilità economiche di ciascuno. D’accordo che con l’avvento delle compagnie low cost affrontare i viaggi lunghi in aereo è diventato relativamente poco caro, ma bisogna mettere nel conto anche tutte le spese accessorie: albergo, trasporti locali, mangiare ed eventuali imprevisti.
Chiaro anche che se per voi i soldi non sono un problema, la business class in genere è un gran bel modo di viaggiare.

Nel mare magno delle offerte e degli strumenti offerti dai siti per calcolare il costo di un viaggio, è facilissimo rimanere disorientati. Occorre quindi prendersi del tempo per ponderare bene le nostre alternative. Ma anche così, a volte la riuscita dei viaggi lunghi è tutta una questione di pianificazione attenta. Si tratta di non lasciare fuori nessuna variabile: per quanto possibile, ovviamente.

Vantaggi di fare viaggi lunghi in aereo

Se per esempio siete uno che per lavoro deve affrontare tutti i giorni lo stress del traffico cittadino, l’aereo per voi sarà una scelta naturale e pressoché imbattibile. Salvo imprevisti, è chiaro.

Supponiamo infatti che dobbiate andare a Parigi per un incontro con dei clienti internazionali. Siete sicuri di aver calcolato benissimo costi e i tempi. Con un volo prenotato un paio di giorni prima, in un’ora toccherete la pista al Charles De Gaulle.
Sì, certo, però non avevate considerato che lo scalo è a 25 chilometri dal centro della capitale francese. Ergo, per arrivare in orario all’appuntamento sarete costretti a prendere una macchina a noleggio. Ovvero: sarete costretti a guidare in una città che non conoscete, voi che del traffico in città non ne volevate proprio sapere, con il rischio tra l’altro di fare tardi e di dover spendere soldi non previsti per telefonate di scuse e quant’altro.

Viaggi lunghi: la scelta migliore

In estrema sintesi: il treno è ok se volete delegare interamente agli altri l’onere del viaggio e rilassarvi guardando fuori del finestrino. La macchina va bene se vi piace guidare e se avete uno spirito avventuroso e soprattutto adattabile. L’aereo, infine, è ottimo se amate farvi coccolare.

Ultima modifica: 3 luglio 2019