Come verniciare il casco della moto

1265 0
1265 0

Il casco non può essere considerato un optional. É un dispositivo di sicurezza previsto dalle norme del codice della strada. Un obbligo per chiunque guidi una moto di grande o piccola cilindrata, uno scooter come un ciclomotore da 50 cc. Ma c’è modo e modo di indossare il casco, che va sempre allacciato regolarmente e deve essere sempre perfettamente conforme alle omologazioni internazionali previste e, soprattutto, confortevole per chi lo porta.

Il casco, colpisce soprattutto per quello che rappresenta. Il marchio ha un peso ma, in questi ultimi anni, sono notevolmente aumentate le vendite delle cosiddette “personalizzazione”.

Le scelte del pubblico

Si tratta di una regola del marketing: andare incontro a quelli che sono i gusti e le esigenze del cliente. È per questo che la stragrande maggioranza delle aziende che producono abbigliamento cercano di diversificare quelle che sono le proprie linee. Ogni anno si cambia. Basta anche un adeguamento dei colori, seguendo quelle che sono le mode di maggiore tendenza o qualche elemento distintivo in più. Se un prodotto funziona si cerca di conquistare nuove quote di mercato allargando quella che è la fascia dei consumatori.

A volte basta davvero poco, un colore più moderno, un taglio più attuale, un disegno più accattivante. Negli ultimi anni, poi, con l’avvento dei social, essere sul mercato con un prodotto quanto più possibile ritagliato sulle esigenze del pubblico è fondamentale.

La sicurezza

È per questo che moltissime aziende che producono caschi non si sono limitati a produrre il miglior dispositivo possibile in termini di sicurezza. Sono nate così le imbottiture rigide ma conformate sulla testa dell’acquirente, i sistemi di navigazione trasferiti via Bluetooth alle cuffie interne, così come la possibilità di comunicare non solo con il passeggero ma anche con il proprio telefonino attraverso l’interfono. È ancora alette parasole, visiere antiappannamento e cinture di allacciamento facili da agganciare e sganciare anche quando si indossano i caschi

Ma tutto questo e all’interno del casco. Che devono fare la loro figura anche quando si sfoggiano in moto.

Prodotti innovativi

Dunque le aziende che producono i caschi hanno cominciato a diversificare i loro prodotti di maggiore successo. Diversi colori, linee fluo, decalcomanie diversificate per chi usa i caschi integrali, jet, demi-jet e i cosiddetti flip, con la maschera che si può sollevare completamente e che sono molto richiesti. I designer sono stati costretti a ripensare tutta una serie di diversificazioni, prodotto per prodotto, per cercare di andare incontro a quelle che erano le esigenze dei clienti.

C’è chi ama i graffiti, chi predilige disegni aggressivi, magari gli stessi che vengono lanciati dai piloti di MotoGP che poi, depositando i diritti della loro creazione artistica, firmano sontuosi contratti con le aziende produttrice per imporre la loro linea su grande mercato.

Il proprio casco

Ma c’è anche un’opzione diversa, che è quella più condivisa dalle persone che amano sfogare il proprio aspetto creativo e lasciare un’impronta di sé non solo in quello che indossano ma anche sul proprio casco. Diventa difficile pensare di poter indossare una maglietta disegnata con le proprie mani sono moltissimi i motociclisti che cercano di confezionare il proprio casco preferito con colori e disegni autoprodotti. E, dall’altra parte, sono moltissimi gli artigiani che sono in grado di accontentare anche le richieste più bizzarre con un lavoro di grande qualità.

Ci sono specialisti dell’aeropenna che con colori e aria compressa, in grande definizione e con estrema precisione, sono in grado di personalizzare anche il casco più anonimo componendo proprie creazioni o elaborando quelle del cliente che le richiede. Funziona un po’ come per i tatuaggi. Ognuno ha una sua idea di quello che si vorrebbe far tatuare, a volte è buono a volte no. I migliori tatuatori sono quelli che accompagnano il proprio cliente nella scelta ed evitano che è una decisione che diventerà indelebile sia quella sbagliata. Con un casco, tutto sommato, le cose sono molto più semplici.

Disegnare su un casco

Qualsiasi casco può essere personalizzato. Si prende un buon casco omologato, a seconda della propria scelta che è caratterizzata soprattutto da motivi di sicurezza e di comfort, e si procede al cosiddetto lavoro artistico. Il casco dovrà essere liberato da quelle che possono essere le grafiche preesistenti, quasi sempre adesive, posizionate in modo industriale direttamente dalla casa produttrice. Una volta che il casco torna alla sua forma grezza può essere completamente riverniciato. La soluzione migliore sarebbe quella di riportare il casco alla sua forma esterna originale, plastica grezza. Ma quasi sempre, alla fine, chi crea il disegno si troverà a dover lavorare su una superficie lucida che è già stata trattata almeno una volta.

Per fortuna, oggi, esistono soluzioni cromatiche in grado di resistere anche su superfici già lavorate. Basta qualche accortezza. Alcuni iniziano disegnando loghi, simboli o vere e proprie creazioni artistiche con un semplice pennellino. Poi, in un secondo momento, colorano le parti tracciate che diventano un marchio distintivo, unico al mondo. Se possono esistere centinaia di caschi di fabbrica, per quanto specifici, tutti uguali uno all’altro, esisterà sempre e solo un casco personalizzato così come lo ha voluto il cliente e che è stato creato da un artigiano.

Il costo

I costi, per rendere il proprio casco una piccola opera d’arte, variano: dai 150€ fino a 455-500€ per i disegni più elaborati e artisticamente difficili da realizzare. Tutto, esattamente come per i tatuaggi, dipende dal numero di ore di lavoro dell’artigiano e dalla quantità di prodotto, e dunque di colore, che viene utilizzato. Ma, negli ultimi anni, c’è anche un’altra moda, molto più spartana.

Si tratta di colorare il proprio casco con le vernici spray, esattamente come si fa per i graffiti e murales… Una quarantina di anni fa in Inghilterra era esplosa la moda di personalizzare i propri stivali, in particolare anfibi, con tracce di vernice spray. Non si trattava di rovinare dei buoni anfibi ma di creare degli esemplari unici. La cosa è tornata di modo anche per i caschi.

Con pochi tratti di vernice colorata che si può acquistare da qualsiasi ferramenta a pochi euro, il casco diventa qualcosa di completamente diverso.si possono anche fare le cose per conto proprio. Basta avere la mano ferma e un minimo di idea chiara e soprattutto non esagerare. Anche perché la vernice spray non è certo come il pennellino in mano a un professionista.

Ultima modifica: 8 febbraio 2021