Vacanze, cosa non deve mancare in auto prima di partire | VIDEO

513 0
513 0

Dopo le graduali riaperture e il conseguente ripristino della circolazione fra le regioni, gli italiani tornano a sognare le proprie vacanze estive che – quest’anno – si svolgeranno, per ovvie ragioni, soprattutto all’interno dei confini nazionali. L’auto, con ogni probabilità, sarà il mezzo di trasporto preferito per spostarsi quindi l’attenzione e la cura verso il proprio veicolo saranno, più che mai, fondamentali.

Ma gli italiani sono sempre stati attenti alla cura della propria auto. A dimostrarlo anche i dati di Carglass del 2019: più di 1/4 degli automobilisti (26 clienti su 100) che si reca in un Centro di Assistenza per un intervento ai cristalli usufruisce di almeno un altro servizio aggiuntivo per prendersi cura di sé e della propria vettura. Dopo il cambio spazzole e il trattamento antipioggia, la sanificazione – diventata servizio cruciale con l’emergenza legata al COVID-19 – era già il servizio addizionale più richiesto.

Il trattamento di sanificazione all’ozono, infatti, in pochi minuti sanifica gli interni dell’auto e i condotti dell’aria liberandoli anche da odori sgradevoli, come quello del fumo di sigaretta, per guidare e respirare in un abitacolo depurato da virus, batteri, pollini, funghi, muffe e acari. Questo è possibile grazie ad un macchinario, posizionato dal tecnico Carglass sulla cappelliera o sul sedile posteriore dell’auto, che produce e diffonde ozono, eliminando i microorganismi indesiderati.

Dopo la sanificazione degli interni, il tecnico Carglass provvede anche alla disinfezione dei touchpoint esterni. Così da riconsegnare la vettura il più possibile priva di microorganismi indesiderati, dentro e fuori dall’abitacolo. L’azione sinergica di ozono e disinfezione esterna, infatti, garantisce il massimo livello di igiene per il cliente.

Ma in estate, oltre che per la nostra pelle, il nemico numero uno sono i raggi UV. Per proteggere la propria auto dal 99% dei raggi ultravioletti e per mantenere sempre un clima piacevole per chi guida e per chi lo accompagna, la soluzione perfetta è l’applicazione delle pellicole oscuranti. Posizionate sulle superfici interne del lunotto e dei finestrini laterali posteriori, si rivelano anche un ottimo dispositivo di sicurezza. In caso di rottura dei cristalli su cui sono applicate, limitano l’ingresso di frammenti e schegge all’interno dell’abitacolo. Proteggendo i passeggeri.

Le pellicole, inoltre, contribuiscono a conservare più belli e più a lungo gli interni dell’auto perché, schermando i raggi UV e riducendo la luce visibile e il calore, minimizzano i principali fattori di scolorimento. Infine, soprattutto se si scelgono le pellicole più scure, si rende meno visibile il contenuto dell’auto, creando un forte deterrente per i furti. Le pellicole per vetri, disponibili in tutti i Centri Carglass in diverse tonalità e per tutte le marche e i modelli di auto, sono prodotte con una formulazione libera dai metalli. E non interferiscono con i segnali GPS e con il normale funzionamento dei telefoni cellulari.

Inoltre, prima di partire per un viaggio, Carglass consiglia il check-up dei cristalli per rilevare eventuali danni o scheggiature sui vetri auto (gratuito presso tutti i centri del leader della riparazione e sostituzione dei vetri auto). E di verificare la presenza in auto di alcuni accessori molto importanti per la sicurezza. Triangolo di pericolo, gilet fluorescente, kit di riparazione pneumatici, kit di pronto soccorso ai quali, quest’anno, vanno aggiunti anche mascherine e igienizzanti.

Infine, chi viaggerà oltre i confini nazionali, dovrà tenere in considerazione una novità. La Carta internazionale di assicurazione dei veicoli a motore (il documento assicurativo che attesta che un veicolo di un Paese viene considerato assicurato anche all’Estero), più nota come Carta Verde, cambia colore. Dal 1 luglio, infatti, non sarà più verde ma in bianco e nero e non più con stampa in fronte retro.

Il nuovo documento riguarderà le polizze emesse a partire dal 1 luglio 2020 mentre quelle già in circolazione (che scadranno entro il 30 giugno 2021) rimarranno valide e non dovranno essere sostituite. In questi casi, solo se è necessaria la ristampa, il certificato avrà il nuovo formato.

Le riparazioni di Carglass

Leggi anche: Autoriparazione post Covid, il video di Carglass

Ultima modifica: 6 luglio 2020

In questo articolo