Vacanza in moto in Italia, le mete più suggestive

629 0
629 0

Per gli appassionati delle due ruote che desiderano partire per una vacanza in moto in Italia, ecco dei suggerimenti su alcuni dei più bei paesaggi del Bel Paese: posti più o meno conosciuti della penisola, distribuiti fra la montagna e il mare che non devono proprio mancare nel programma di viaggio di un vero centauro.

In Trentino

Per un motociclista è immancabile la visita al passo dello Stelvio. Il percorso asfaltato parte da Bormio e attraversa un tratto pieno di tornanti per giungere a Prato dello Stelvio. Il Passo dello Stelvio (2758 metri) è il tratto automobilistico più alto d’Italia e il secondo in Europa: ma si sconsiglia di percorrerlo in inverno per la presenza di ghiaccio e neve. Questo tragitto di montagna è lungo 47 Km e per la sua percorrenza piuttosto impegnativa.

Un giro in Toscana

In Toscana è possibile effettuare un percorso di media difficoltà che parte da Bagno a Ripoli a Firenze ed è lungo circa 70 chilometri di strada asfaltata alternata a tratti sterrati. Da questo paese, ricco di chiese e ville, si prende la SR222 detta Chiantigiana che porta fino a Radda in Chianti e a Volpaia (con il suo bellissimo castello medievale), attraverso curve e tornanti a pendenza del 15%.

Il percorso, che terminerà nella splendida città di Siena, è lungo 70 Km e composto sia da strada asfaltata che sterrata.

Tra Marche e Umbria

Per una vacanza in moto a cavallo tra Marche e Umbria, si può partire da Ancona per dirigersi verso Osimo. Dopo MontefanoVilla Potenza si arriva a Montefortino, situato alle pendici dei Monti Sibillini. Si prosegue in direzione Montemonaco e, successivamente, si può raggiungere Castelluccio che proprio in questo periodo (tarda primavera-estate) offre ai suoi visitatori lo straordinario spettacolo della fioritura delle lenticchie.

Castelluccio è una frazione del comune di Norcia in Umbria ed è uno dei centri abitati più alti dell’Appennino. L’intero tragitto che si snoda fra Marche ed Umbria ha una lunghezza di qualche centinaio di chilometri ma la sua percorrenza è facilitata da strade statali e locali asfaltate.

Tra Abruzzo e Lazio 

Sul Gran Sasso ci sono percorsi davvero suggestivi. Si inizia con il bivio di Campotosto per poi proseguire fino a Campo Imperatore. Campotosto e l’omonimo lago si trovano a 1420 mt sul livello del mare dove è possibile visitare anche il Santuario della Madonna Apparente. La lunghezza del percorso è di 70 Km circa, su strada asfaltata.

Campo Imperatore è una famosa località sciistica a 1800 mt di altezza: un altopiano esteso per 18 chilometri. Possibile anche una deviazione per raggiungere Amatrice nel Lazio e gustare un piatto di pasta all’amatriciana. Il percorso complessivo è di circa 115 km.

L’Alto Molise

Qui, il percorso suggerito va da Pietrabbondante ad Agnone, ma si può passare anche per Pescopennataro. La lunghezza del percorso è di 45 Km, che si snoda su strada asfaltata, la difficoltà è medio/bassa, essendo un viaggio adatto a tutti.

Pietrabbondante è un paese situato a 1027 mt di altitudine ai piedi del monte Caraceno. Vicino si trova Pescopennataro, “il paese degli abeti”. Nelle vicinanze anche il paese di Agnone, dove si svolge la “Ndocciata”, una sfilata della tradizione folkloristica locale.

Il Gargano

Procedendo verso sud sul versante adriatico, s’incontra il Gargano, penisola che si trova nella parte settentrionale della Puglia e meta immancabile in una vacanza in moto in Italia. Da qui, percorrendo la superstrada 52b, è possibile raggiungere i comuni di Monte Sant’Angelo e Vieste.

Monte Sant’Angelo dallo “sperone garganico” si affaccia sul golfo di Manfredonia. Vieste invece detta “La Perla del Gargano”, è una delle località più belle della regione Puglia. La lunghezza del percorso è di 59 Km, su strada asfaltata, il tragitto è facile, adatto anche ai meno esperti.

La costiera amalfitana

Sempre verso sud ci si può poi spostare sull’altro versante costiero del nostro bel paese, perché in una vacanza in moto in Italia non può mancare la magica Costiera Amalfitana.

Il percorso è asfaltato, presenta numerose curve o tornanti stretti (caratteristici proprio delle strade costiere con vista mare di questa splendida zona) ed è lungo circa 40 chilometri. Il tragitto attraversa i comuni di PositanoAmalfi e Vietri sul Mare. La lunghezza complessiva è di 40 Km, la strada è asfaltata, ma il percorso èpiuttosto impegnativo, per la presenza di numerose curve e tornanti.

Positano è a strapiombo sul mare e presenta suggestive salite e discese, mentre nel centro di Amalfi si può visitare il Duomo di Sant’Andrea Apostolo preceduto da una lunga scalinata. Da ultimo, Vietri sul Mare, famoso anche per la ceramica, è fra i luoghi patrimonio dell’umanità dall’Unesco.

Calabria e Basilicata

Nella nostra vacanza in moto in Italia, non possiamo tralasciare la parte sud-ovest della penisola. Si parte da Tropea, in Calabria: vero e proprio diamante incastonato nel mare con un centro storico pieno di viuzze e palazzi nobiliari.

Immancabile la visita a Pizzo Calabro dove si possono gustare il tartufo e il gelato artigianale. Il percorso termina a Maratea, in Basilicata e la sua lunghezza complessiva è di 200 Km, su strada asfaltata e di facile percorrenza.

Sicilia

In moto si può percorrere anche quel suggestivo tratto di strada che va da Catania ad Agrigento. Partendo da Catania si prosegue sulla autostrada in direzione di Caltanissetta. Da qui, poi, lungo la valle del Salso si prosegue fino ad arrivare ad Agrigento, città famosa per la valle dei Templi diventata patrimonio dell’Unesco nel 1997.L’intero tragitto è lungo 185 Km, su strada asfaltata e il grado di difficoltà è molto basso essendo un percorso adatto a tutti.

Sardegna

Imperdibile poi è il suggestivo tratto di strada che da Cagliari porta sino a Cala Marina. Partendo da Cagliari, che si affaccia al centro del Golfo degli Angeli, si seguono poi le indicazioni per Muravera e prendendo la superstrada 125 si arriva nei pressi di San Basilio. Poi il percorso prosegue fino alla SP18 per Sant’Elmo – Villa Rei continuando in direzione Cala Marina.

In loco ci si troverà di fronte all’Isola Serpentara con le sue formazioni di rocce granitiche. La lunghezza del percorso è di 80 Km, su strada asfaltata ma il grado di difficoltà è elevato.

Ultima modifica: 24 giugno 2020